Fieg. Morgante è il nuovo Consigliere incaricato per le relazioni sindacali. Rinnovate le cariche per il biennio 2020-2022

24 Giugno 2020 Culture

Si sono tenute oggi a Roma le assemblee degli organi sociali della Federazione Italiana Editori Giornali, che hanno rinnovato le cariche per il biennio 2020-2022. L'Assemblea generale ha eletto per acclamazione Andrea Riffeser Monti presidente della Fieg, per il secondo mandato. Lo spiega una nota Fieg.

Riffeser, nel ringraziare gli editori associati per la fiducia, ha così commentato: «La sfida che ho l'onore di accettare alla guida della Fieg, sarà nel segno di un rinnovato impegno nel rappresentare gli interessi delle imprese, nella consapevolezza che gli editori uniti usciranno dalla crisi e torneranno a crescere».

«Dopo il costruttivo incontro con il presidente del Consiglio Conte ed il sottosegretario per l'Editoria Martella, auspico – ha proseguito Riffeser – che siano rapidamente realizzate alcune delle nostre proposte per il rilancio del settore: 1) Campagna istituzionale per la lettura dei quotidiani; 2) Misura triennale per il sostegno della domanda di giornali in abbonamento, anche in edicola; 3) Potenziamento e stabilizzazione delle misure di contrasto alla crisi – crediti d'imposta sulla pubblicità, sugli investimenti in servizi digitali e sulla carta per la stampa, aumento della percentuale di Iva forfetaria; 4) Tutela del diritto d'autore e contrasto alla pirateria digitale; Riequilibrio del mercato pubblicitario.

Il presidente della Fieg ha, poi, ribadito che «è necessario favorire la diffusione dei giornali, anche negli esercizi pubblici, perché sono garanzia di informazione di qualità e presidio contro le fake news».

Vicepresidenti della Federazione sono Francesco Dini, presidente della Categoria editori di giornali quotidiani, e Giuseppe Ferrauto, presidente della Categoria editori di giornali periodici. Presidente della Categoria editori agenzie di stampa è stato eletto Stefano De Alessandri. Sono stati, poi, nominati i consiglieri incaricati: Pasquale Morgante, per le relazioni sindacali, Carlo Ignazio Fantola per la distribuzione e vendita, Francesco Dini per mercato e pubblicità, Carlo Mandelli per la tutela del diritto d'autore e della concorrenza. (Ansa)

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione