IL SOSTEGNO DELL’ARCIVESCOVO AL COMITATO CHE SOSTIENE LA CRIPTA DEL DUOMO COME “LUOGO DEL CUORE” FAI

25 Giugno 2020 Culture

Si chiamano “I Luoghi del Cuore” e sono tutti quei siti italiani unici e preziosi da
non dimenticare. La campagna nazionale, promossa dal Fai (Fondo Ambiente
Italiano) in collaborazione con Intesa Sanpaolo, mira alla tutela e alla
valorizzazione del patrimonio monumentale, artistico e paesaggistico del nostro
paese. Quest’anno ricorre la decima edizione di questo speciale censimento,
fondato sulla proposta e sulla successiva mobilitazione dei cittadini a favore dei
loro “Luoghi del Cuore”. In riva allo Stretto, lo scorso 22 maggio, si è costituito
il Comitato che sostiene la Cripta del Duomo di Messina come Luogo
del Cuore Fai , di cui è referente Pippo Trimarchi che ha messo assieme
associazioni, storici, giornalisti e liberi cittadini decisi a impegnarsi per il
recupero di questo bene storico e architettonico della città. Il nucleo iniziale del
Comitato si è progressivamente ampliato sino ad arrivare al momento ad oltre
40 componenti.

Nonostante la sua innegabile bellezza, la Cripta del Duomo è da tempo
chiusa al pubblico: sottrarla all’oblio e recuperarla in via definitiva
sarebbe di certo una bella vittoria . Per essere restituita alla fruizione dei
messinesi e dei turisti è necessario, innanzitutto, sistemare l’ingresso e
restaurare gli stucchi, di pregevolissima fattura. Il sostegno alla Cripta come
Luogo del Cuore FAI è un modo per richiamare l’attenzione di cittadini e
istituzioni su questo scrigno di bellezza e rendere, così, concreta la possibilità di
individuare i fondi necessari ai primi essenziali interventi di recupero. Si tratta
di un progetto certamente ambizioso ma non impossibile da realizzare, che ha
ottenuto il beneplacito dell’arcivescovo mons. Giovanni Accolla con il
quale il Comitato lavorerà in sinergia.

L’accordo è nato a seguito di un incontro che si è tenuto in Curia tra il Comitato
Cripta del Duomo di Messina e l’arcivescovo Accolla, alla presenza del vescovo
ausiliare, mons. Cesare Di Pietro e del Capo delegazione Fai di Messina Giulia
Miloro. Attualmente la Cripta del Duomo ha tagliato il traguardo del 15° posto
nella classifica nazionale dei Luoghi del Cuore FAI , ma la strada è ancora​
lunga e per questo serve il contributo di tutti. Per guadagnare posizioni è
necessario votare sul sito https://www.fondoambiente.it/ o attraverso i punti di
raccolta firme cartacei, collocati in vari punti della città. La loro dislocazione è
riportata sul gruppo Facebook “ La Cripta del Duomo Luogo del Cuore FAI ”. La
partecipazione al censimento è gratuita e aperta a tutti. Inoltre è possibile
votare più luoghi fino al 15 dicembre 2020, ma per ciascuno si potrà esprimere
un solo voto. Come di consueto, ai siti più votati verrà conferito un premio in denaro, a fronte
della presentazione di un progetto concreto: 50mila euro, 40mila euro e 30mila
euro saranno assegnati rispettivamente al primo, secondo e terzo classificato. Il
luogo più votato via web diventerà, inoltre, protagonista di un video,
storytelling o promozionale, realizzato a cura della Fondazione. L’auspicio è che
il resto delle risorse necessarie al restauro della Cripta venga assicurato da
stanziamenti pubblici, magari di provenienza europea, e donazioni di privati
cittadini che potrebbero dimostrare concretamente il loro amore per la città di
Messina e, in particolare, per un bene che appartiene alla storia viva della
nostra comunità.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione