Dagli arresti domiciliari al carcere. La Polizia di Stato esegue aggravamento di misura cautelare

26 Giugno 2020 Cronaca di Messina

E’ stata eseguita ieri dai poliziotti della Squadra Mobile l’ordinanza emessa dal Tribunale di Messina con la quale si dispone l’aggravamento della misura cautelare a carico di WARNAKULASURIYA FERNANDO Sujith Prisman, srilankese, 47 anni, ritenuto responsabile dei reati di estorsione e lesioni.

Le indagini, eseguite dalla Squadra Mobile e coordinate dall’Autorità Giudiziaria, avevano  permesso di delineare le responsabilità dell’uomo quale estortore ai danni di un connazionale per il quale si era attivato affinché trovasse un lavoro in Italia e potesse, così, ottenere il visto di ingresso.

In cambio del suddetto “interessamento”, il quarantasettenne aveva preteso la somma di 10.000 euro, metà della quale versata prima dell’arrivo in Italia, la restante da corrispondere una volta giunto a Messina. 

Per essere certi che anche la seconda parte venisse consegnata, aveva trattenuto il passaporto della vittima e alle lamentele di quest’ultima, non aveva esitato ad aggredirla e a minacciarla di non rivolgersi ad alcuno, né tanto meno a sanitari o alle forze dell’Ordine. 

Infine, al malcapitato era stato comunicato che la cifra pattuita non era più la stessa in ragione degli interessi maturati che, nei mesi, aumentando, avevano fatto lievitare la somma fino a 8.000 euro. 

L’uomo, inizialmente sottoposto agli arresti domiciliari, è stato trasferito ieri in carcere. 

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione