Ecobonus, sismabonus e bonus facciate. Pino Falzea: “Impossibile, a Messina, usufruire di queste misure”

26 Giugno 2020 Politica

 L’impossibilità, a Messina, di usufruire delle misure ecobonus, sismabonus e bonus facciate. Questo il motivo dell’intervento del presidente dell’Ordine degli architetti Pino Falzea,che pertanto lancia un grido d’allarme: “il Decreto Legge 19 maggio 2020, n. 34 (c.d. “Decreto Rilancio”) negli articoli che prevedono detrazioni fino al 110% sui i lavori da realizzare per sismabonus, ecobonus, bonus facciate e ristrutturazioni, emanato dal Governo per il rilancio economico e sociale del nostro Paese, stremato dalla drammatica emergenza sanitaria da Covid-19, strategico per la ripresa del comparto dell’edilizia, rischia di non potere avere piena attuazione in buona parte della città di Messina”.

“La città infatti – continua Falzea – perimetrata per oltre il 70% all’interno della Zona di Protezione Speciale (ZPS), circa 3 mila ettari di zone urbanizzate e in gran parte degradate, a causa di una non condivisibile azione dei Dirigenti dell’Assessorato Regionale Territorio e Ambiente che hanno diffidato il Comune di Messina a non rilasciare provvedimenti di V.Inc.A.(mitigando poi il provvedimento ed inasprendolo successivamente, per cui anche le insignificanti, dal punto di vista dell’impatto sull’ambiente, pertinenze quali tettoie, balconi ed altre piccole strutture non possono essere autorizzate perché costituirebbero nuova edificazione), e dell’adesione a tale azione da parte del Dirigente del Dipartimento competente del Comune di Messina che invece ha una competenza esclusiva sulle stesse valutazioni di incidenza, una molteplicità di attività edilizie sono interdette”.

“Tutto ciò – continua Falzea – nonostante la Commissione per le Valutazioni di Incidenza Ambientali, egregiamente presieduta dall’archietetto Anna Carulli (Presidente Nazionale dell’Istituto di BioArchitettura) e che ha segnalato il problema agli ordini professionali anche attraverso un parere legale formulato dall’avvocato Fabio Famà n.q. di componente della stessa commissione, continui ad esaminare e esitare i progetti con propria nota del 4/3/2020, e il Ministero dell’Ambiente, in risposta ad una lettera sottoscritta dall’intero comparto edile messinese, abbia chiarito che la procedura EU PILOT 673/2014/ENVI non disponga alcun blocco delle attività edilizie nelle Zone a Protezione Speciale interessate”.

“Inoltre – prosegue il presidente dell’Ordine degli architetti – una vastissima porzione di territorio urbanizzato centrale della città di Messina è da quasi 10 anni congelata, una ex area industriale, oggi in parte svuotata dalle proprie funzioni originali: l’ampia zona ex Zir e Zis. Totalmente edificata, attende dal 2012 la redazione di un piano attuativo, uno di quegli strumenti urbanistici che nella nostra regione sottendono sempre iter interminabili, che tante volte non iniziano mai e pertanto non possono trovare conclusione. Ben 50 ettari di centro urbano, in gran parte degradato, che potrebbe ospitare funzioni direzionali, commerciali, abitative, artigianali, in un nuovo modello di città da rigenerare in maniera sostenibile e con qualità architettonica. Invece niente. Una legge regionale impedisce qualunque processo di sviluppo e riqualificazione, la congela nel degrado e nell’abbandono, non permette investimenti che purtroppo vengono dirottati altrove”.

E qui l’amara considerazione del Presidente Falzea: “L’’impressione è che si voglia deliberatamente minare la struttura economica di Messina e non permettere alla stessa di attrarre investimenti, nuove funzioni e pertanto nuovi abitanti. Non è possibile tollerare che interferenze della burocrazia vadano a colpire le opportunità per la ripresa dopo il Covid-19, opportunità che se ben utilizzate, porterebbero economia, lavoro ma anche qualità, bellezza e riqualificazione ambientale nella nostra città”.

“E’ necessaria pertanto – conclude Falzea – una forte iniziativa del Presidente Musumeci e dell’Assessore al Territorio e Ambiente Totò Cordaro, della Deputazione Regionale, del Sindaco e dell’Assessore all’Urbanistica, per rimuovere tempestivamente gli ingiusti e penalizzanti impedimenti posti dalla burocrazia regionale e comunale e/o da leggi non attuate e pertanto da riformare o abrogare. Messina non può restare a guardare mentre il resto del paese cresce. Tutto può e deve essere fatto nel rispetto dell’ambiente, ma niente può essere bloccato per prese di posizioni inutili che con la salvaguardia ambientale non hanno nulla a che vedere”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione