CINEMA IRIS, mercoledì 1 luglio la riapertura

28 Giugno 2020 Culture

Presentati oggi in conferenza stampa, presso il Mondadori BookStore di Via Consolato del Mare a Messina, il programma e le modalità di riapertura del CINEMA IRIS, storica struttura indipendente in città. Si riparte finalmente dalle sale del cinema sito in via Consolare Pompea a Ganzirri e si prosegue anche su piattaforma in streaming. “Il Cinema Iris è il primo a riaprire in tutta la provincia di Messina” afferma Umberto Parlagreco, “e, nonostante le difficoltà, è importante per noi dare un segnale all’intera città, anche perché l’Iris è diventato un riferimento in una zona, quella nord, scoperta da punti di aggregazione sociale e culturale”.   Mercoledì 1 luglio, nel massimo rispetto delle misure di sicurezza anti Covid che prevedono l’assegnazione del posto numerato con distanziamento sociale di un metro (esclusi i congiunti) e l’obbligo della mascherina finché non si raggiungerà il posto assegnato,  prenderà il via una programmazione snella e distribuita su due sale. Primi film proposti saranno “Trolls World Tour”, pellicola di animazione della DreamWorks destinata ad un pubblico di bambini e ragazzi,  “I Miserabili” film diretto da Ladj Ly, con Damien Bonnard e Alexis Manenti, e per gli amanti dell’horror  “La casa delle bambole” scritto e diretto da Pascal Laugier. Accanto all’attività del cinema in sala, si proseguirà anche con le proiezioni in streaming. In periodo di quarantena, infatti,  il Cinema Iris aveva già assicurato la sua presenza e la sua vicinanza al pubblico con l’avvio di due sale virtuali che saranno mantenute con proposte diverse da quelle fruibili in sala fisica ma che mantengano alta la qualità dell’offerta: “lavoreremo per rendere le due programmazioni, al cinema e su piattaforma, più complementari possibili” afferma Parlagreco, sottolineando anche le semplici modalità di accesso al servizio da effettuare con l’acquisto del biglietto on line per ottenere così un link diretto alla visione. Le prime proposte  in streaming saranno  “Christo – Walking on Water” il documentario di Andrey Paounov che racconta l’allestimento di  “The Floating Piers”, la grande opera d’arte e di ingegneria realizzata sul Lago d’Iseo dall’artista Christo, scomparso recentemente; e “Dio esiste e vive a Bruxelles” diretto da Jaco Van Dormael. In riferimento all’inaugurazione di un prossimo spazio all’aperto, Parlagreco spiega “Stiamo lavorando incessantemente e mi sarebbe piaciuto potervi dare più informazioni ma ancora non posso fornire né date né programmazioni per questioni legate alla burocrazia”. Parlagreco ha, poi, illustrato le motivazioni che hanno spinto il Cinema Iris ad aderire ad una rete nazionale per il sostegno all’esercizio cinematografico indipendente italiano: “Al momento del lockdown, mentre si lavorava ad altri progetti, il dibattito pubblico si è focalizzato su drive in e cinema “rinato” attraverso lo streaming. Abbiamo, dunque, voluto spostare l’oggetto del dibattito alla Sala fisica. È stata poi pubblicata una lettera aperta sul sito www.lasci.cloud per chiedere nuovi assetti e nuove norme di mercato ai fini di una programmazione con meno vincoli”. Novità importante per il Cinema Iris è l’introduzione di un “biglietto sostenitore”: in tempi di ripresa, l’attività di cinematografia indipendente, così come tutte le industrie legate allo spettacolo e non soltanto, riscontra oggettive difficoltà. Nonostante l’aumento delle spese di gestione, l’Iris decide di non maggiorare il prezzo del biglietto ordinario e di istituire un “biglietto sostenitore”, del tutto facoltativo e del costo di 10 euro, per tutti gli spettatori che volessero scegliere di supportare le attività del cinema in questo momento di ripresa, dopo la chiusura forzata per Covid 19.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione