Un’area attrezzata all’aperto dentro il Rettorato, la proposta di “Atreju – La compagnia degli studenti”

29 Giugno 2020 Culture

Predisporre un’area attrezzata all’aperto dentro il Rettorato al fine di consentire lo studio nel rispetto delle normative sul distanziamento sociale. E’ la proposta avanzata dall’Associazione Universitaria “Atreju – La compagnia degli studenti” all’Amministrazione dell’Università degli Studi di Messina.

“La nostra proposta, che riteniamo di semplice attuazione, è quella di sfruttare l’ampio spazio all’interno del Rettorato allestendo dei gazebi e dei tavolini, per poter permettere agli studenti, rispettando le misure di distanziamento sociale e visto il clima favorevole e l’arrivo della stagione estiva, di avere un luogo di ritrovo, considerando che la biblioteca del Rettorato è da ormai 3 mesi inutilizzabile”, ha dichiarato Massimiliano Marchese, Presidente dell’associazione “Atreju”.

“Da anni la nostra Associazione si batte per la creazione di nuovi spazi e la fruizione di quelli esistenti a favore degli studenti – aggiunge Guglielmo Gullifá, Coordinatore di “Atreju” –
In questo periodo emergenziale riteniamo che la soluzione proposta possa permettere la socialità tipica di un ambiente universitario sano nel pieno rispetto delle misure di contenimento e distanziamento sociale”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione