Il tentato omicidio di Cuscinà, condannati Paolo Gatto e Giuseppe Cutè

30 Giugno 2020 Inchieste/Giudiziaria

Il gup di Messina ha condannato a 19 anni e 10 mesi Giuseppe Cutè, a 17 anni e 4 mesi Paolo Gatto, e poi un anno e 4 mesi a Giovambattista Cuscinà per il tentativo di omicidio di Francesco Cuscinà, 64 anni, ferito il 25 agosto del 2018 sul viale Giostra a Messina. Gatto, figlio di Puccio, boss di Giostra, era accusato di tentativo di omicidio e rapina, Cutè, tentativo di omicidio e interposizione fittizia di beni, e infine Cuscinà, che rispondeva della detenzione di un’arma. I due si affiancarono al 64enne ed esplosero alcuni colpi d’arma da fuoco, colpendo il bersaglio alla testa, all’addome e al braccio. La pistola però si inceppò, ne scaturì anche una colluttazione, quindi la fuga dei due. Cuscinà riuscì a recarsi prima al punto territoriale di emergenza di Messina Nord e poi all’ospedale Piemonte. L’intento dei due era uccidere Cuscinà per contrasti nati all’interno del clan di Giostra.

 

http://www.stampalibera.it/2020/06/15/agguato-a-giostra-chieste-pesanti-condanne-per-il-tentato-omicidio-di-francesco-cuscina/

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione