Messina, Operazione ‘Fiori di pesco’: diciotto condanne per 143 anni

1 Luglio 2020 Inchieste/Giudiziaria

Pesanti condanne, per un totale di circa 143 anni di reclusione sono state inflitte nel processo “Fiori di pesco”, l’indagine dei carabinieri che aveva inferto un duro colpo al clan Brunetto in Sicilia. Secondo l’accusa attraverso incendi, furti di macchine agricole e dei raccolti di pesche il clan cercava di imporre il pizzo agli imprenditori agricoli nel territorio nella Valle dell’Alcantara, a metà tra le province di Messina e di Catania. La sentenza di primo grado del tribunale di Messina, prima sezione penale, prevede 18 condanne ed una assoluzione.

Il tribunale ha condannato Vincenzo Lomonaco a 11 anni e Vincenzo Antonino Pino a 12 anni; Carmelo Caminiti a 12 anni e 6 mesi, Antonio Monforte a 11 anni e 7 mesi, Angelo Salmeri a complessivi 20 anni e 10 mesi. Condannati inoltre Daniele Nicolosi e Vincenzo Lomonaco a 11 anni, Filippo Scuderi a complessivi 10 anni e 9 mesi, Salvatore Scuderi 11 anni, Pietro Carmelo Olivieri 10 anni, Salvatore Coco 10 anni e 6 mesi. Condanne dai 6 anni in giù per tutti gli altri. Assolto Giuseppe Lombardo Pontillo.

L’operazione «Fiori di pesco», condotta dai carabinieri della Compagnia di Taormina, coordinati dalla Dda di Messina, risale al 2017 quando scattarono 12 arresti per a vario titolo, associazione per delinquere di tipo mafioso, estorsione aggravata dal metodo mafioso, danneggiamento seguito da incendio e traffico di sostanze stupefacenti.

Secondo l’accusa il gruppo oltre ad imporre il pizzo agli imprenditori agricoli in occasione delle festività di agosto, Natale e Pasqua agiva con un metodo ormai consolidato, prima rubava i mezzi agricoli e poi richiedeva un «riscatto» in denaro per restituirli.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione