Locri, il pentito Maviglia: «Un piano per un attentato a Gratteri nel 2016. Avevo fatto richiesta in passato di parlare con i giudici della Procura di Messina ma non ho avuto risposte”

4 Luglio 2020 Senza categoria

«Un piano per un attentato a Gratteri nel 2016». Le parole sono quelle del pentito Maurizio Maviglia e sono state pronunciate nel corso del processo Banco Nuovo Cumps in corso al Tribunale di Locri. Il collaboratore di giustizia riferisce una serie di minacce al procuratore della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri risalenti a circa quattro anni fa.

Le parole del pentito Maviglia
Nel 2016, come riferisce Gazzetta del sud, aveva chiesto di poter interfacciarsi con i magistrati di Salerno e Messina. Al centro, il progetto di un attentato contro il magistrato e i particolari sulle minacce ricevute dal figlio di Gratteri sempre nel 2016. In quella circostanza, due persone incappucciate avevano suonato al campanello dell’abitazione del giovane a Messina. Per quella vicenda, il ragazzo venne posto sotto tutela mentre vennero ulteriormente rafforzate le misure di sicurezza per Gratteri. Misure poi incrementate ad inizio 2020.

La lettera anonima

Pertanto, le parole del collaboratore di giustizia s’aggiungono al quadro già delineato dalla lettera anonima recapitata alla Compagnia dei carabinieri di Lagonegro (provincia di Potenza) nella quale vi sarebbe scritto che il clan Mancuso avrebbe pianificato l’esecuzione del magistrato. La notizia è stata diffusa proprio nei giorni scorsi. Le cosche, in base ai contenuti della missiva, avrebbero finanche incaricato un killer, del quale viene riportato il nome.

Le parole di Maraviglia, che a Locri ha affermato di aver fatto richiesta in passato di parlare con i giudici della Procura di Messina per la vicenda dell’intimidazione al figlio del magistrato, e a quelli di Salerno senza averne risposta. Su tali argomentazioni, il sostituto procuratore Diego Capece Minutolo della Dda reggina, secondo quanto scritto da Gazzetta del sud, ha preso nota.
Il giudice Fulvio Accurso, invece, ha inviato uno stralcio del verbale ai magistrati competenti.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione