Dl Semplificazioni: Siracusano (FI), governo sblocca 130 opere ma dimentica Ponte sullo Stretto

7 Luglio 2020 Politica
“Il governo, durante la conferenza stampa a Palazzo Chigi sul decreto semplificazioni, presenta anche ‘Italia veloce’, un piano di 130 opere strategiche individuate dal Ministero per le Infrastrutture e i trasporti.
Peccato che l’esecutivo abbia completamente dimenticato il Ponte sullo Stretto di Messina. Anzi, sollecitato dai giornalisti, il premier Conte ha risposto che ‘non c’è alcuna novità’, aggiungendo: ‘questo governo si preoccupa delle infrastrutture a terra e se ci saranno problemi li affronteremo a tempo debito’.
Dopo le aperture di Franceschini e della De Micheli, dopo il ‘valuteremo’ di qualche settimana fa del presidente del Consiglio, dopo l’esortazione arrivata da tanti esponenti di Italia Viva (partito chiave per la maggioranza), il governo ha prima bocciato tutti gli emendamenti sul tema presentati da Forza Italia al decreto rilancio (compresa la richiesta di avviare un’analisi costi/benefici) ed oggi declassa la realizzazione del Ponte sullo Stretto.
Un peccato mortale. Non c’è alcuna opera, nel nostro Paese, in grado di mobilitare il quantitativo di risorse, di occupazione e di attenzione che potrebbe sollecitare il Ponte, per il quale tra l’altro esiste già un progetto definitivo validato a tutti i livelli.
Un’ennesima occasione persa per un esecutivo senza coraggio e senza prospettive. Conte si arrende alla logica oscurantista del Movimento 5 Stelle. Così sarà molto più complicato ripartite: per l’Italia, per la Sicilia, per la Calabria, per l’intero Mezzogiorno”.
Così Matilde Siracusano, deputata di Forza Italia.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione