Casa Circondariale Barcellona, FP CGIL: «In 24 ore due aggressioni ai danni di altrettanti Agenti penitenziari, entrambi finiti al pronto soccorso dell’Ospedale di Milazzo»

8 Luglio 2020 Cronaca di Messina

Il silenzio delle Istituzioni è diventato insopportabile. Silenzio dell’Assessore alla Salute
Razza, silenzio del Provveditore della Regione Sicilia, silenzio della deputazione regionale e
nazionale, soprattutto quella dell’area di Barcellona PG, tutti sembrano aver deposto le armi
di fronte a tale situazione. Se la situazione è questa si abbia il coraggio di comunicarlo ai
lavoratori o la FPCGIL avvierà ogni forma di tutela.
«Se le Autorità preposte continueranno ad ignorare la situazione di pericolo in cui continuano ad
operare gli agenti penitenziari della Casa Circondariale di Barcellona, si corre il serio rischio che
possa verificarsi l’irreparabile». Questo il commento del segretario della FP CGIL di Messina,
Francesco Fucile, di fronte agli ennesimi episodi di violenza di cui sono stati protagonisti due agenti,
entrambi finiti al pronto soccorso di Milazzo per le ferite riportate. «Il primo dei due avvenimenti –
afferma Fucile – si è verificato all’interno dell’ormai nota sezione VIII Atms (Articolazione tutela
salute mentale), dove si trovano i detenuti psichici, uno dei quali, mentre si trovava nel locale
infermeria ha prima aggredito un infermiere e successivamente ha sferrato un violento pugno in pieno
volto all’Agente di Sezione». A questo proposito la FP CGIL «ha più volte denunciato, sia al
Provveditore della Regione Sicilia, sia al Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria,
la critica gestione dell’VIII sezione, per cui, a distanza di anni, manca ancora un protocollo per la
sua gestione tra l’Amm.ne Penitenziaria e l’Assessorato alla Salute della Regione Sicilia. Con quale
conseguenza? A farsi carico dell’organizzazione della stessa continua ad essere l’esiguo personale di
Polizia Penitenziaria». Un problema, quello relativo alla carenza del personale, che può essere
considerato alla base anche del secondo episodio, verificatosi questa mattina: «Durante l’immissione
dei detenuti ai passeggi – spiega il segretario della FP CGIL –, un detenuto, al richiamo dell’Ispettore
di spegnere la sigaretta perché proibito fumare nei corridoi delle sezioni, ha lanciato la sigaretta in
faccia all’agente e successivamente lo ha avvicinato sputandogli in pieno volto e prendendolo a
schiaffi. Alla luce di tutto ciò, chiediamo, ancora una volta, che gli organi preposti intervengano sulla
situazione della Casa circondariale di Barcellona»

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione