Il “no” all’Istituzione servizi sociali a Messina, assolti di nuovo Sinatra e Ribaudo

8 Luglio 2020 Inchieste/Giudiziaria

Assolti anche la seconda volta per la stessa vicenda, a distanza di quasi vent’anni dall’inizio di tutto. È il destino giudiziario comune della giustizia lumaca per l’ex commissario regionale al Comune di Messina Gaspare Sinatra e l’allora segretario generale Filippo Ribaudo. Al centro, ancora una volta, il processo nato dall’inchiesta sull’abolizione dell’Istituzione dei servizi sociali, il cosiddetto “colpo di spugna” che nell’ormai lontano aprile del 2008 portò avanti convintamente l’allora commissario Sinatra.

Si è tornati in aula perché dopo il proscioglimento deciso dal gup la procura aveva presentato ricorso in Cassazione, che aveva disposto un rinvio. E si era ricominciato daccapo, con una nuova udienza preliminare davanti ad un nuovo gip, che questa volta aveva disposto il rinvio a giudizio. E il processo scaturito da quella decisione del gip, davanti alla prima sezione penale presieduta dal giudice Letteria Silipigni, s’è concluso ieri con l’assoluzione dei due, con la formula «perché il fatto non sussiste», a fronte di una richiesta dell’accusa di 2 anni di reclusione.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione