Riapertura scuole, Gioveni: si valuti il recupero delle scuole dismesse e un eventuale soccorso delle parrocchie

8 Luglio 2020 Politica

In un periodo come quello attuale in cui, a seguito delle restrizioni Covid, si sta tentando di studiare delle soluzioni che possano far ripartire regolarmente a settembre le lezioni nelle scuole cittadine, il consigliere comunale Libero Gioveni ha lanciato all’Amministrazione due proposte formalizzate stamani in Commissione politiche scolastiche: tentare di recuperare alcune scuole dismesse su tutto il territorio comunale (dalla “Capitano Traina” di Santo Bordonaro fino alla scuola chiusa da anni di Ortoliuzzo) e chiedere alla Curia l’utilizzo temporaneo di alcuni locali parrocchiali visto che di mattina nelle varie parrocchie normalmente non si fa attività di catechesi o di oratorio. Comprendo bene la difficoltà per entrambe le soluzioni – evidenzia Gioveni – ma credo che trattandosi di un evento straordinario ed inimmaginabile quello dell’emergenza Covid, occorre sforzarsi di trovare più spazi possibili esistenti per garantire il diritto allo studio visto che risulta improponibile la strada dell’adeguamento strutturale o logistico degli ambienti, sia in termini di risorse che di tempi rispetto anche alla complessità delle vigenti norme edilizie.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione