Csm: Ardita e Di Matteo aderiscono a proposte gruppo magistrati indipendenti

10 Luglio 2020 Inchieste/Giudiziaria

di AMDuemila  – “Accogliamo con soddisfazione l’adesione alle nostre proposte di due consiglieri superiori in carica, i dottori Sebastiano Ardita e Antonino Di Matteo. Si tratta di colleghi che vivono l’istituzione Csm dall’interno e siamo quindi consapevoli della responsabilità che hanno esercitato nel manifestare la pubblica condivisione delle nostre tre proposte: sorteggio (temperato) dei candidabili al Csm, rotazione degli incarichi direttivi, abolizione dell’immunità dei consiglieri superiori”. E’ quanto è scritto nel blog ‘Uguale per tutti’ da parte di un gruppo di magistrati ‘indipendenti’, i quali rilevano inoltre che con i due togati del Csm “ci accomuna, senz’altro, l’amore per l’Istituzione che intendiamo salvaguardare dalle aggressioni improprie del correntismo, alle quali assistiamo quasi impotenti da decenni. Essere d’accordo su quei tre capisaldi – si legge ancora nel post – supera ogni legittima differenziazione ideologica e sottolinea, ove ve ne fosse bisogno, che separare l’Istituzione dall’attività politico/associativa non implica la cancellazione delle diversità culturali tra i magistrati che resteranno liberi di associarsi come meglio credono, purché quelle private associazioni non mirino a condizionare, in qualsiasi modo, l’indipendente ed imparziale esercizio della giurisdizione”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione