«Lo Sport Universitario è un patrimonio cittadino», la precisazione del Rettore dopo il comunicato del Cus

14 Luglio 2020 Culture

“Lo sport universitario è un patrimonio inestimabile per la città”. Con queste parole si è espresso il Rettore dell’Ateneo di Messina, Salvatore Cuzzocrea, dopo aver appreso “con stupore ed incredulità”, dalle notizie di stampa pubblicate su vari organi, delle “autonome determinazioni” del presidente del Cus Unime, Nino Micali circa il futuro incerto del Cus Unime ed i “pesanti strascichi economici conseguenti all’emergenza sanitaria e alla chiusura forzata”.

L’Università peloritana precisa che, “con una apposita convenzione rinnovata nel mese di maggio 2019 (in attuazione della legge 394/1977), è stata affidata al Cus Unime la gestione degli impianti sportivi universitari, con le modalità ed i termini previsti dalla stessa. Tutte le attività sportive estranee all’applicazione della legge 394/1977 e, quindi, non finanziate con i relativi fondi potranno essere svolte dal Cus Unime ASD”.

“Inoltre – ha aggiunto il Rettore – l’Amministrazione d’Ateneo, al fine di potenziare ulteriormente le attività sportive universitarie, nell’anno 2019 ha cofinanziato per un importo pari a € 202.931,00 i progetti presentati dal Cus Unime ASD ammessi a finanziamento parziale della Regione Siciliana. L’Università, altresì, garantisce costante controllo e manutenzione straordinaria per il mantenimento degli standard qualitativi dei propri impianti sportivi e della Cittadella “.

Il Rettore, nel rispetto delle competenze dell’Università e dell’autonomia gestionale del Cus Unime, chiederà di partecipare ad una riunione del Consiglio Direttivo del Cus per avere informazioni più dettagliate in merito all’iscrizione ai prossimi campionati delle squadre del Cus Unime ASD, allo scopo di poter avviare tutte le opportune interlocuzioni per comprendere appieno le motivazioni di tali scelte e per garantire il proseguimento delle attività sportive agonistiche che vedono coinvolti i nostri studenti.  “Si tratta – ha concluso il prof. Cuzzocrea – di un valore imprescindibile per la città e non condivido l’ipotesi della non iscrizione della squadra di pallanuoto, farò di tutto affinché questo non avvenga”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione