De Domenico: “Incomprensibile esclusione dell’orchestra del teatro di Messina dalla stagione estiva di TaoArte”

15 Luglio 2020 Politica

“Un’altra umiliazione, grazie alla totale latitanza di questo Governo regionale nei confronti della nostra città”. Parole del deputato regionale del Partito Democratico Franco De Domenico, che interviene dopo l’esclusione del  Teatro Vittorio Emanuele e della sua orchestra dal programma degli spettacoli del Teatro Antico, organizzato dalla Fondazione Taormina Arte per l’attuale stagione estiva.

“Ai messinesi – scrive De Domenico – piacerebbe conoscere la verità perché la Fondazione è un ente partecipato e finanziato dalla Regione siciliana, ma ciò evidentemente non basta, se, come afferma il rappresentante della Città Metropolitana all’interno del CdA del Teatro Vittorio Emanuele, l’esclusione delle istituzioni culturali messinesi dalla programmazione 2020 sarebbe da imputare ad una precisa scelta della Fondazione Taormina Arte. Il Soprintendente del Teatro sottolinea, viceversa, che la mancata partecipazione sarebbe legata ad un problema di sostenibilità dei costi, infatti, il Teatro Vittorio Emanuele II, per effetto delle risorse disponibili, non può garantire ai propri musicisti che una contrattualizzazione estremamente ridotta, insufficiente a coprire l’impegno estivo degli spettacoli del Teatro Antico di Taormina, a differenza di quanto avviene per gli orchestrali del Teatro Bellini che risultano regolarmente stipendiati. Il Teatro Messinese, infatti, riceve circa 4,8 milioni l’anno, in massima parte regionali, a fronte dei 12 milioni del Teatro Bellini di Catania e ai 20 milioni del Teatro Massimo di Palermo, la cui fondazione risulta, peraltro, partecipata anche dallo Stato. La mancata stabilizzazione dell’orchestra – continua Franco De Domenico – è la conseguenza logica delle scarse risorse destinate al teatro peloritano che si protrae da anni e fa sì che il rapporto spesa/abitante per le attività culturali legate agli Enti teatrali delle tre città metropolitane appare, come al solito, estremamente penalizzante per la Città metropolitana di Messina”

“A ciò – scrive ancora – si aggiunge la forte contrapposizione, in merito alla permanenza del Comune di Messina all’interno della Fondazione Taormina Arte, tra la Giunta (che non ha competenza in materia) e il Consiglio Comunale (competente sì, ma con poca determinazione a far valere le proprie prerogative), che certamente non agevola un coinvolgimento delle istituzioni messinesi nell’organizzazione degli eventi estivi presso il Teatro Antico di Taormina, che rappresenta una tra le principali attrazioni culturali del territorio della Città Metropolitana di Messina. Ho presentato, pertanto – conclude De Domenico – una interrogazione urgente all’assessore dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, Alberto Samonà e all’assessore del Turismo, dello sport e dello spettacolo, Manlio Messina, per conoscere le reali motivazioni che hanno portato all’esclusione del Teatro Vittorio Emanuele II di Messina e della sua orchestra dal programma degli spettacoli del Teatro Antico di Taormina, nonché quali significativi interventi intenda assumere il Governo regionale al fine di garantire la partecipazione del Teatro di Messina agli eventi del Teatro Antico di Taormina ma soprattutto al fine di intraprendere la strada di una stabilizzazione dei lavoratori dell’orchestra, alla stregua degli altri teatri delle altre città metropolitane della Regione”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione