Dimessa la bimba di Ucria ricoverata in gravi condizioni dopo una caduta dalla bici

17 Luglio 2020 Cronaca di Messina

L’A.O.U. Policlinico “G. Martino” di Messina comunica che è stata dimessa stamattina dal reparto di Neurochirurgia, diretto dal professore Antonino Germanò, la ​ piccola di nove anni di Ucria, ricoverata lo scorso 8 luglio per una rovinosa caduta dalla bicicletta.
La piccola paziente era stata operata in emergenza per un ematoma extradurale dai neurochirurghi Fabio Cacciola e Patrizia Fiore. Un delicato intervento perfettamente riuscito.
La bimba era stata ricoverata al suo arrivo in Terapia intensiva pediatrica per neuroprotezione e, una volta estubata, era stata trasferita al reparto di Neurochirurgia. Ora i sanitari hanno sciolto la prognosi e hanno deciso di dimetterla.
“È stata una vicenda – dice il Direttore sanitario dott. Antonino Levita – che ha visto mobilitarsi un’intera comunità. Siamo orgogliosi di essere riusciti a dare anche in questo caso una risposta adeguata e il mio ringraziamento va a tutto il personale che con la propria professionalità ha salvato la vita alla piccola paziente. A lei e ai suoi familiari gli auguri da parte della Azienda, affinché la piccola possa presto superare in modo definitivo questa brutta avventura”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione