17 Luglio 2020 Giudiziaria

Processo omicidio stradale Lorena Mangano. In Appello (a Reggio Calabria) ridotte lievemente le condanne per Forestieri e Gugliandolo

Si è chiuso questa mattina il processo d’appello presso il tribunale di Reggio Calabria nei confronti dei due imputati accusato della morte della giovane studentessa orlandina Lorena Mangano, vittima di un incidente stradale nel giugno del 2016 in pieno centro a Messina.

Sul banco degli imputati Gaetano Forestieri e Giovanni Gugliandolo. La corte d’Appello di Reggio Calabria ha ridotto lievemente le condanne. Gaetano Forestieri, che guidava l’auto che ha investito quella di Lorena, è stato così condannato a 9 anni e 4 mesi (10 anni la condanna precedente) mentre a Giovanni Gugliandolo, alla guida di un’altra autovettura che gareggiava con Forestieri sulla Via Garibaldi intorno all’una di notte, sono stati inflitti 5 anni di reclusione (6 anni la precedente).

Nell’udienza di questa mattina gli avvocati della famiglia Mangano, Argeri, Pagano e Rizzo, avevano richiesto la conferma della pena per entrambi gli imputati. L’avvocato Luccisano, difensore di Gugliandolo, aveva richiesto il minimo della pena mentre ha sorpreso e amareggiato i familiari di Lorena, l’intervento in aula dell’avvocato Salvatore Silvestro, legale di Gaetano Forestieri, che ha affermato come il suo cliente “ha avuto la sfortuna di trovarsi sull’auto dopo aver bevuta una birra, forse una birra e mezza“.

I giudici hanno emesso la sentenza intorno alle 17.30.