Attentato Antoci: “Elucubrazioni mentali non corroborate da alcun dato probatorio”. Il gip Finocchiaro ‘straccia’ la relazione della commissione antimafia

21 Luglio 2020 Inchieste/Giudiziaria

La notizia pubblicata oggi da Gazzetta del Sud, in un articolo di Nuccio Anselmo, non potrà non provocare ulteriori polemiche.

Antoci, la commissione antimafia e il ‘falso attentato’. 

La Commissione antimafia siciliana dopo essersi occupata dell’attentato mafioso all’ex presidente del Parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci aveva chiesto che s’indagasse ancora. E la Procura di Messina retta da Maurizio De Lucia lo ha fatto. Dopo aver acquisito anche “grazie alla polizia giudiziaria” la relazione finale con tutti i suoi allegati, quella delle “tre ipotesi”, in cui addirittura si ipotizzava una “messinscena”.

E la conclusione dell’indagine bis contro ignoti sull’agguato – come rivela il quotidiano messinese – è stata la stessa della prima: archiviazione. Con un provvedimento del gip di Messina Simona Finocchiaro che accogliendo la richiesta del sostituto della Dda Fabrizio Monaco, bolla le tesi dell’organo regionale come “pure elucubrazioni mentali non corroborate da alcun dato probatorio“; e afferma poi che “la conclusione raggiunta dalla Commissione (ossia che l’ipotesi dell’attentato mafioso sia la meno plausibile) appare preconcetta e comunque non supportata da alcun dato probatorio”.

Nel provvedimento di archiviazione dell’inchiesta bis, dopo aver ancora una volta ricostruito l’attentato e la minuziosità delle indagini, il gip esamina innanzitutto le presunte contraddizioni delle dichiarazioni rilasciate in audizione da Antoci, dal sindaco di Cesarò, Calí, e dell’allora vice questore Daniele Manganaro, l’uomo che durante l’agguato con il suo intervento salvò la vita all’ex presidente del Parco dei Nebrodi.

Quella sera i tre cenarono insieme, a Cesarò, prima che i killer entrassero in azione. E conclude che “si tratta di circostanze afferenti percezioni personali che, verosimilmente, possono essere state oggetto di una rivalutazione alla luce del grave atto di violenza successivamente posto in essere ai danni dell’Antoci e che comunque non offrono significativi spunti d’indagine ai fini dell’individuazione degli autori del fatto violento”.

Poi il gip Finocchiaro prende in considerazione l’operato degli uomini della scorta di Antoci, che secondo la Commissione antimafia furono contraddistinte da una “mancata osservanza dei protocolli operativi”. E su questo punto, conclude che “tale critica all’operato della scorta appare fine a sé stessa e ininfluente sulla direzione delle indagini”, anche perché “… sia il Santostefano che il Manganaro hanno fornito una giustificazione logica e credibile al loro operato”.

“Perchè assegnare valenza probatoria prevalente alle dichiarazioni del Dott. Ceraolo?”.

Il gip Finocchiaro – riporta ancora Gazzetta del Sud – afferma poi in un altro passaggio del provvedimento: “… non si comprende poi per quale motivo la Commissione abbia assegnato valenza probatoria prevalente alle dichiarazioni del Dott. Ceraolo, all’epoca dirigente del Commissariato di Barcellona P.G., ponendole come base per contestare l’esito delle indagini”.

E nel concludere il decreto di archiviazione, il gip scrive ancora come “le contestazioni mosse dalla Commissione non abbiano fornito utili o nuovi spunti investigativi, limitandosi ad introdurre la suggestione che non si sia trattato di un attentato quantomeno con modalità mafiose, o addirittura che l’attentato fosse una messinscena”, oppure che “… la maggior parte delle criticità sollevate dalla Commissione hanno trovato una giustificazione ragionevole e comunque sostenibile”.

Mario Ceraolo indagato tra il 2017 e il 2019.

Ma c’è dell’altro. Con la discovery degli atti si scopre ora che proprio l’ex vice questore Mario Ceraolo, è stato indagato in tempi diversi dalla Procura di Messina, tra il 2017 e il 2019, per depistaggio e rivelazione di segreto d’ufficio.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione