LA SENTENZA: Estorsioni a gestori movida, dodici condanne a Messina

21 Luglio 2020 Inchieste/Giudiziaria

Si è concluso con 12 condanne, per un totale di circa 74 anni di reclusione, il processo con il rito abbreviato sulle risse provocate ad arte per costringere i gestori di discoteche, lidi e locali notturni di Messina ad assumere buttafuori. Sono stati condannati Kevin Schepis a 13 anni e 4 mesi, Giuseppe Esposito 11 anni e 10 mesi, Giovanni De Luca 12 anni e 2 mesi, Giovanni Lo Duca, 11 anni e 8 mesi, Eliso Fiumara 6 anni e 4 mesi, Domenico Mazzitello e Vincenzo Gangemi 6 anni e 8 mesi ciascuno. Sono stati inoltre condannati Andrea Fusco (1 anno e 4 mesi), Placido Arena (1 anno e 8 mesi), Cristian Messina (1 anno e 4 mesi), Antonino Rizzo (1 anno e 10 mesi) e Giuseppe Cardia (3 mesi e 10 giorni).

La sentenza è del gup Tiziana Leanza che ha anche rigettato la richiesta di patteggiamento per Giuseppe Surace, la sua posizione sarà trattata in un’altra udienza. Il pubblico ministero Roberto Conte aveva chiesto condanne che oscillavano da un massimo di 16 anni fino ad un anno e mezzo. L’indagine, coordinata dalla direzione distrettuale antimafia di Messina, e sfociata a novembre 2019 nell’operazione “Flower”, ha fatto luce su una cellula  che, secondo l’accusa, nell’ambito della gestione dei servizi di sicurezza dei locali della movida voleva imporre  ai responsabili della sicurezza ed ai titolari dei ritrovi l’assunzione di personale addetto alla vigilanza, tentando in alcuni casi, di estromettere la concorrenza.

 

Leggi anche

Operazione Flower, chiesti 16 anni per Kevin Schepis. Ecco tutte le richieste

OPERAZIONE ‘FLOWER’: Le rivelazioni del pentito Selvaggio, “Ecco in quali locali ha interessi il gruppo…”

#NOMI, FOTO E VIDEO ARRESTATI – I DETTAGLI DELL’OPERAZIONE ‘FLOWER’: LE MANI DELLA MAFIA SULLA MOVIDA, 10 ARRESTI

Operazione Flower, le intercettazioni: “…Dobbiamo sparare ad un ragazzo… abbiamo combinato un macello…”

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione