“Chiarezza sul Viadotto Ritiro”, Antonio Catalfamo e Matteo Francilia chiedono un’audizione in Commissione trasporti alla Camera

23 Luglio 2020 Politica

Sullo stato dei lavori del viadotto “Ritiro” a Messina, dopo l’interrogazione a Sala d’Ercole firmata dal capogruppo leghista Antonio Catalfamo, arriva anche una richiesta di audizione alla Commissione trasporti della Camera dei deputati, firmata dallo stesso Catalfamo e dal sindaco di Furci Siculo Matteo Francilia.

I due esponenti messinesi della Lega, “allarmati dai disagi cronici determinati dall’incertezza sulla conclusione dei lavori del rifacimento del viadotto Ritiro”, si legge in una nota, hanno preso carta e penna e scritto al presidente della IX commissione della Camera, il leghista Alessandro Morelli, per denunciare la situazione e chiedere chiarezza sulla conclusione dei lavori: “Abbiamo chiesto di essere sentiti dalla commissione trasporti della Camera – spiegano Catalfamo e Francilia – perché crediamo che sui lavori del viadotto Ritiro sia il momento di fare chiarezza. Gli interventi che sono ripresi dopo il lockdown hanno causato code anche per decine di chilometri sulla tangenziale in ingresso a Messina, che costituiscono un serio disagio per i cittadini specie nella stagione turistica. Vogliamo inoltre sapere se il cronoprogramma dei lavori è stato rispettato e se sono state considerate tutte le soluzioni per ridurre al minimo l’impatto dei lavori sul traffico”.

“La variante dei lavori sul viadotto Ritiro di Messina consiste nel rafforzamento di 40 pile che reggono i due impalcati. Oltre ad essere iniziata in ritardo – conclude la nota – ha visto più volte posticipata la fine dei lavori e l’avvicendati di cinque direttori dei lavori in un anno e mezzo”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione