Mafia ed estorsioni a Barcellona, condannati Giambò e Napoli: assolto Rao

23 Luglio 2020 Inchieste/Giudiziaria

Di Leonardo Orlando – Due condanne, quelle del boss barcellonese Carmelo Giambò e dell’ex vice presidente del Consiglio comunale di Milazzo, Santino Napoli; mentre una è stata l’assoluzione decisa ieri dal Tribunale di Barcellona, che ha assolto, perché durante il dibattimento non è stata raggiunta la prova della sua colpevolezza, Giovanni Rao, considerato tra i capi promotori della “famiglia mafiosa dei barcellonesi”.

Con la sentenza, emessa nel primo pomeriggio di ieri, al termine del processo con il rito ordinario – scaturito dall’operazione antimafia “Gotha VII”, la condanna più alta a 13 anni di reclusione è stata determinata per il boss Carmelo Giambò, il quale è stato riconosciuto colpevole, delle estorsioni commesse, con modalità mafiose, ai danni di una importante attività commerciale di Milazzo. L’altra condanna, ad 8 anni, per la sola accusa di concorso in associazione mafiosa, è stata pronunciata nei confronti dell’ex vicepresidente del consiglio comunale di Milazzo, Santino Napoli, infermiere professionale, più volte consigliere comunale, quasi sempre delle diverse maggioranze che hanno sostenuto gli esecutivi.

Ad accusarlo vi sono stati ben 13 collaboratori di giustizia, di cui gli ultimi tre Aurelio Micale, Alessio Alesci e Biagio Grasso, che hanno testimoniato nel corso del processo, presieduto dal giudice Antonino Orifici e composto da Anna Elisa Murabito e Silvia Maria Spina. Da Gazzetta del Sud

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione