Operazione antidroga «Cafè Blanco», 4 condanne e un’assoluzione

24 Luglio 2020 Inchieste/Giudiziaria

Si conclude con quattro condanne ed una assoluzione il processo scaturito dall’operazione antidroga «Cafè Blanco» su un traffico internazionale di droga scoperto dalla guardia di finanza di Messina.

La sentenza è del giudice per le udienze preliminari di Messina Monica Marino nel giudizio con il rito abbreviato nei confronti di cinque imputati tra messinesi e catanesi.

Sono stati condannati Salvatore Alfio Zappalà a 22 anni e 6 mesi, Antonino Di Bella a 11 anni e 4 mesi, Tindara Bonsignore e Carmelo Antonio Sangricoli a 9 anni ciascuno. È stato invece assolto Luigi Mariutti con la formula per non aver commesso il fatto.

Assoluzioni parziali per Di Bella e Zappalà. Il pubblico ministero aveva chiesto cinque condanne che andavano dai 22 anni e mezzo fino agli 8 anni.

L’operazione «Cafè Blanco» è scattata a luglio 2019 e fu il risultato dell’approfondimento di indagini avviate circa due anni prima dalla guardia di finanza e dalla Procura di Messina a seguito del sequestro di circa un chilo di cocaina spedito dentro un pacco di chicchi di caffè (da qui il nome dell’operazione) e proveniente dalla Colombia.

Dopo mesi di intercettazioni e indagini fu possibile chiudere il cerchio su un traffico di droga che aveva come terminale Messina, facendo scattare il blitz.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione