Operazione ‘Cenide’, Rino Famiani e Antonino Repaci rinviati a giudizio

25 Luglio 2020 Inchieste/Giudiziaria

Il gup di Reggio Calabria Tonino Foti ha rinviato a giudizio per corruzione il sindaco di Villa San Giovanni, Giovanni Siclari, il dirigente comunale Francesco Morabito, il presidente della “Caronte&Tourist” Antonino Repaci e l’amministratore delegato della compagnia di navigazione Calogero Famiani. La decisione è giunta a conclusione dell’udienza preliminare del processo “Cenide” nato da un’inchiesta che lo scorso dicembre ha portato il primo cittadino villese agli arresti domiciliari.
Su richiesta del pm Walter Ignazitto, che ha coordinato l’indagine assieme al procuratore aggiunto Gerardo Dominijanni e al sostituto procuratore Gianluca Gelso, sono stati rinviati a giudizio quasi tutti gli imputati che hanno scelto il rito ordinario compresa la stessa “Caronte&Tourist”, società che si occupa del traghettamento sullo Stretto di Messina e che, secondo la Procura, avrebbe violato la legge sulla responsabilità delle società e degli enti.

La vicenda al centro dell’inchiesta riguarda alcune presunte irregolarità riscontrate dai carabinieri in merito alla concessione alla Caronte di un piazzale di proprietà di Anas che sarebbe stata convinta dal sindaco Siclari a stipulare una convenzione con il Comune di Villa San Giovanni. Irregolarità dietro le quali ci sarebbero stati diversi episodi di corruzione che adesso saranno oggetto del processo fissato per il primo ottobre davanti al Tribunale di Reggio Calabria.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione