Area IRIS: Partita la programmazione all’aperto del cinema Iris

28 Luglio 2020 Culture

È finalmente partita anche l’AREA​ IRIS, l’attesa sala all’aperto del Cinema omonimo che è indubbiamente considerata un’istituzione cittadina e punto di riferimento dell’esercizio indipendente nazionale. Dotata di uno degli schermi più grandi della provincia (9mx4m, esattamente come quello della sala A del cinema) e di un impianto audio/video professionale, l’AREA IRIS è stata allestita nello spazio di fronte la struttura in Via Consolare Pompea ed è location molto suggestiva: il pubblico, che ha già fruito di una prima programmazione a partire da sabato 25 luglio, è immerso in uno spazio accogliente, illuminato dal cielo stellato e circondato da palme. Le proiezioni del cinema all’aperto firmato IRIS hanno preso il via lo scorso weekend con “La Belle Epoque”, film di Nicolas Bedos, e proseguiranno durante tutto il mese di agosto e di settembre, “finché il clima ce lo permetterà”,​ assicura​ Umberto Parlagreco.​ Come di consueto nelle scelte programmatiche, l’offerta è molto varia ed eterogenea ed abbraccia gusti e mondi molto diversi fra loro: “la diversità è un valore che va sempre difeso, sempre: sono le differenze che ci fanno crescere, ed è la cifra che ho sempre voluto dare alla mia programmazione: -​ spiega Parlagreco​ – l’idea di dare al pubblico la possibilità di uscire dalla propria comfort zone e dare visibilità ai moltissimi mondi che compongono la settima arte, è per me vitale. Inoltre, voglio sottolineare che abbiamo organizzato gli spazi in maniera da garantire la sicurezza del pubblico secondo le norme anti Covid previste”.

Nel dettaglio, in programma, proposte di sicuro interesse tra cui “Parasite” – Premio Oscar 2020 come miglior film – il 4 agosto, la commedia romantica “Un giorno di pioggia a New York”​ ​ di Woody Allen il 7 agosto,” Jojo Rabbit” di Taika Waititi l’11 agosto. Largo anche alle rassegne a tema che animeranno l’AREA IRIS tutti i lunedì: una rassegna sul cinema indipendente grazie a titoli poco visibili ma comunque di grande valore come “Marie Curie” con Rosamund Pike e “La Scomparsa di mia madre” per la regia di Barrese, una rassegna anni ’80 in cui spiccano lo storico “Grosso guaio a Chinatown” con Kurt Russell e “Una donna in carriera” vincitore di sei Golden Globe è molto altro. Sempre di lunedì, la terza edizione della rassegna horror “Sentieri d’ombra”. Infine, il sabato e la domenica saranno dedicati alle famiglie, con, in cartellone, pellicole come “Il Re Leone”, “Frozen II” e “Il Richiamo della Foresta” che daranno la possibilità anche ai più piccoli di poter passare una serena serata al cinema. Il mese di agosto in AREA IRIS chiuderà con una vera e propria chicca: il documentario “Fellini degli spiriti”, un ritratto spirituale del maestro, diretto da Anselma Dell’Olio. Già dal suo avvio, la suggestiva location dell’AREA IRIS risulta perfetta così come la sua atmosfera, e la prossimità alle sale del cinema Iris assicura al pubblico di non dover cambiare programma in caso di cattivo tempo perché, in tale eventualità, le proiezioni saranno spostate all’interno, con medesima cura e rispetto delle norme di sicurezza antiCovid. Il costo del biglietto è di 6€ e, come da riapertura, permane la possibilità di acquistare il biglietto sostenitore di €10, assolutamente facoltativo. Il programma completo dell’AREA IRIS si può facilmente reperire su tutti i canali social – Facebook, Instagram – del Cinema Iris ed ovviamente sul sito ufficiale​ www.multisalairis.it.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione