Controlli a Messina sulle spiagge libere e nei punti di imbarco verso le isole

30 Luglio 2020 Cronaca di Messina

Evitare improvvisi e pericolosi assembramenti che potrebbero verificarsi con il massiccio afflusso di persone durante l’esodo e il controesodo estivo in provincia di Messina e in occasione di spettacoli, intrattenimenti o manifestazioni pubbliche. È l’obiettivo del piano adottato in prefettura nel corso di due riunioni del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica.

Al primo incontro hanno partecipato il comune di Messina, la capitaneria di porto di Messina, i responsabili di Anas e Cas, i comandanti dei Vigili del fuoco, della Polizia stradale, della Polizia municipale e del direttore del 118.
Il secondo incontro, che si è svolto nel pomeriggio, è stato allargato alla partecipazione dei sindaci di Lipari, Santa Marina di Salina, Malfa e Leni, delle capitanerie di porto di Messina e Milazzo, dell’Autorità di sistema portuale dello Stretto e dei vettori che assicurano i collegamenti di linea con le isole Eolie.

Il prefetto Maria Carmela Librizzi ha richiamato l’attenzione sulla particolare circostanza che quest’anno vede impegnati tutti gli attori istituzionali, non solo nelle iniziative estive in materia di polizia stradale, contrasto dell’abusivismo commerciale e fenomeni di degrado urbano in genere, ma soprattutto nella gestione sanitaria e di protezione civile, con i controlli presso i locali, i lidi balneari, i punti di imbarco, dove sono più possibili gli assembramenti.

Grazie ai protocolli d’intesa stipulati e all’innovativa figura dello “steward anti Covid”, il quadro che emerge dai servizi di controllo sulle attività balneari è di sostanziale rispetto della normativa emergenziale.
Per garantire le misure anti Covid-19 e l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale anche nei mezzi navali, le compagnie di navigazione sensibilizzeranno i passeggeri in transito sullo Stretto con reiterati avvisi.

Ulteriori iniziative, a garanzia del rispetto delle misure di contenimento del virus, sono state concordate nella riunione pomeridiana riguardo all’assistenza dei passeggeri e alla sicurezza dei punti di imbarco verso l’arcipelago eolico.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione