#FOTO – Ponte sullo Stretto. “Se non ora quando?”, il flash mob a Messina

31 Luglio 2020 Cronaca di Messina

«Se non ora quando?». Questo lo slogan che questa mattina ha animato il flash mob di Messina per rivendicare risorse economiche e infrastrutture per tutto il Meridione d’Italia. La prima manifestazione di piazza della storia peninsulare nella quale si sia invocato anche il Ponte sullo Stretto. In tantissimi, con indosso t-shirt bianche con la scritta #cittadininonSUDditi, si sono in ginocchiati per qualche minuto in segno di protesta contro le discriminazioni che si protraggono da decenni. Indicando nelle ingenti risorse del Recovery fund lo strumento per cambiare la storia. Hanno aderito le sigle dei lavoratori, degli imprenditori, degli studenti, dei professionisti, della società civile che si sono radunate, insieme ai partiti politici, anche della maggioranza di governo, per assicurare la propria partecipazione all’iniziativa indetta da Rete civica per le infrastrutture nel Mezzogiorno.

«E’ l’inizio di una mobilitazione permanente da qui al prossimo 15 ottobre», ha detto Fernando Rizzo, presidente di Rete civica, riferendosi al termine entro il quale Roma dovrà comunicare a Bruxelles i progetti da finanziare con i fondi comunitari assegnati per l’emergenza Covid. In una lettera aperta consegnata in Prefettura viene chiesto di rispettare l’impegno assunto dal ministro dei Trasporti Paola De Micheli di riservare al Sud almeno il 40% delle risorse, pari a 83 miliardi 600 milioni di euro.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione