Messina, l’Ugl presenta un esposto contro il Mume per l’assenza di misure di sicurezza nei locali

4 Agosto 2020 Culture

“Sono innumerevoli le criticità emerse all’interno del Museo Regionale di Messina. Dai lavoratori che lamentano la non ciclicità dei turni all’assenza di sicurezza all’interno della struttura. Per non parlare della mancata erogazione idrica durante la notte. Una situazione a cui la direzione del Mume deve porre fine”. Così il segretario della federazione nazionale Autonomie di Ugl Messina, Giovanni Panebianco, scrive in una nota dopo aver presentato un esposto alla Procura e indirizzato anche all’Asp, richiedendo una verifica urgente sulle condizioni in cui versano i locali della struttura.

“Sul documento, inviato al Tribunale di Messina, l’Ugl rappresenta le criticità esposte dai lavoratori in merito alla mancata applicazione delle misure di prevenzione e protezione previste dal Dlgs 81/08 e s.m.i. all’interno dei locali del Museo Regionale di Messina, nonché le precarie condizioni di sicurezza cui sono costretti ad operare”, scrive Panebianco.

“In particolare – fa presente il segretario di Ugl – i lavoratori lamentano che il datore di lavoro ha omesso di integrare il D.V.R. (documento di valutazione del rischio) esistente (peraltro non correlato alla situazione attuale) con le recenti disposizioni in materia di contenimento dal rischio COVID 19. Ancora evidenziano l’omessa designazione dei lavoratori incaricati all’attuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave e immediato, di salvataggio, di primo soccorso e comunque di gestione delle emergenze; che gli impianti di climatizzazione d’aria delle sale espositive non funzionanti da tempo creano, ai lavoratori addetti alla vigilanza, e ai visitatori, forti disagi a causa delle elevate temperature interne; l’interruzione delle erogazione idrica in orario notturno non consente la completa applicazione delle disposizioni contro il contagio da rischio Covid-19; i servizi igienici sprovvisti di finestre, sono privi di aerazione forzata dell’aria; e gli estintori presenti sui luoghi non risultano, da tempo, sottoposti a verifiche periodiche”.

“Tutte queste mancanze da parte della direzione del Museo non fanno che mettere in pericolo il patrimonio culturale di Messina e della Sicilia: l’impossibilità di un primo intervento da parte degli operatori addetti può risultare fatale per alcune opere, che non potranno in tal modo essere salvate prima dell’arrivo dei vigili del fuoco”, evidenzia Giovanni Panebianco.

Sui turni, invece, il segretario di Ugl Messina per la federazione Autonomie, aveva inviato una nota al direttore Orazio Micali lo scorso 20 maggio, con la quale chiedeva chiarimenti sulla turnazione. Senza però ricevere risposta.

“Noi come sindacato – scrive Panebianco – avevamo chiesto all’Amministrazione del Mume di chiarire per quale motivo, alla luce della nuova tipologia di turnazione, non viene rispettata la ciclicità dei servizi. Si presume, infatti, che applicando questa nuova sistematicità del servizio non si rispettano i profili professionali sia dal punto di vista economico che giuridico”.

In questa stessa nota era già stato evidenziato il problema dell’assenza di acqua nelle ore notturne, ricordando che “le normative vigenti, restrittive in questo periodo per il diffondersi nel Covid 19, accentuano le responsabilità dirigenziali ove venissero a mancare i requisiti fondamentali (tendenti a impedire il diffondersi del virus) atti a tutelare i dipendenti sui luoghi del lavoro”, scriveva Giovanni Panebianco.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione