Rescissa la convenzione con il Cus Unime, proposta l’istituzione di una società partecipata per la gestione della Cittadella

5 Agosto 2020 Cronaca di Messina

Il Consiglio di Amministrazione dell’Università ha deliberato all’unanimità ​ la rescissione della Convenzione con il Cus Unime e ha contestualmente approvato la proposta di costituzione di una società interamente partecipata dall’ Ateneo per la gestione degli impianti sportivi della cittadella universitaria. La decisione è stata assunta dal CDA con le finalità di potenziare, entro una nuova cornice di gestione amministrativa, ​ i servizi offerti ​ agli studenti, alla comunità accademica, alla città e a supporto del Corso di laurea in Scienze motorie. L’Università in questo modo intende promuovere e consolidare il grande patrimonio rappresentato dalle strutture sportive presso la Cittadella e tutelare nel contempo le professionalità e lo staff di collaboratori che in questi anni sono stati impegnati nell’erogazione dei servizi.

Precisazioni del CUS Unime 

In ordine alla delibera di revoca della convenzione adottata dal CDA dell’Università, appresa nel comunicato stampa nel sito dell’ateneo, il CUS UNIME riserva, all’esame delle sottostanti motivazioni, ogni più conducente azione affinché venga tutelato il proprio patrimonio sportivo, economico ed umano. Nel contempo, l’attività del CUS UNIME, all’interno degli impianti sportivi, continuerà proficuamente affinché tutta la comunità accademica e la cittadinanza potranno, come in tutti questi anni, usufruire dei servizi resi.

Nella foto Nino Micali, presidente Cus Unime

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione