Paziente troppo pesante, disagi per l’elisoccorso a Lipari. La Paglia, ‘Indagheremo’

7 Agosto 2020 Cronaca di Messina

«Odissea» per un liparota di oltre 150 chilogrammi che con l’elisoccorso doveva essere trasferito in un ospedale a Messina. Il velivolo era stato richiesto dai medici del pronto soccorso ma appena giunto il comandante non aveva dato la disponibilità al trasporto perchè il velivolo non è adeguato al peso del paziente.

Per le gravi condizioni dell’isolano è scattata la protesta dei familiari e c’è voluto l’intervento dei carabinieri per placare gli animi. Il comandante a quel punto si è assunto la responsabilità e ha imbarcato il malcapitato paziente.

La questione è stata anche dibattuta in consiglio comunale e un documento è stato inviato all’assessore regionale alla salute e al direttore generale dell’Asp per chiedere in questi casi un mezzo più adeguato.

“Apprendo dagli organi di informazione del trasferimento in elicottero di un cittadino eoliano, dopo l’assistenza prestata presso l’Ospedale di Lipari. Ritengo che ci siano alcuni aspetti da chiarire relativi alle procedure adottate in ospedale e al successivo trasferimento in altro ospedale.
Lunedì verrà avviata una indagine interna per valutare tutti gli aspetti della vicenda e sarà nominata una commissione tecnica che accerterà i fatti, ai fini di eventuali provvedimenti conseguenziali”. Così il direttore generale dell’A.S.P. di Messina Paolo La Paglia.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione