Cadavere fra gli scogli a Giardini Naxos, è dell’ ex dirigente del Comune di Taormina Coco. Era rimasto coinvolto in una clamorosa inchiesta giudiziaria

8 Agosto 2020 Cronaca di Messina

E’ stato recuperato dai militari del Nucleo Carabinieri Subacquei di Messina il cadavere individuato in mare stamattina a Giardini Naxos intorno alle ore 11. Il corpo è stato identificato e si tratta dell’ex dirigente del Comune di Taormina, Giovanni Coco.

I parenti della vittima lo hanno riconosciuto. Verrà adesso effettuato l’esame autoptico per accertare la dinamica dell’accaduto ma l’ipotesi più probabile al momento è quella di un tragico gesto da parte dell’uomo. Coco avrebbe lasciato alcuni scritti, ora al vaglio degli inquirenti, forse con le sue ultime volontà.

Coco, personaggio noto a Taormina, stava osservando l’obbligo di dimora a Giardini Naxos in seguito ad un’indagine per corruzione legata al recupero dei crediti delle utenze idriche de Comune. L’uomo aveva chiesto il patteggiamento.

 

Leggi anche

Truffa al Comune di Taormina, avvocato Laface condannato a 4 anni

L’ARRESTO DELL’AVV. LA FACE, ECCO TUTTI I DETTAGLI DEL TERREMOTO GIUDIZIARIO AL COMUNE DI TAORMINA. C’E’ UN TERZO INDAGATO

I NOMI, I DETTAGLI, IL VIDEO – Corruzione al Comune di Taormina. Arrestato avvocato La Face e notificato divieto di dimora ad un ex dirigente pubblico. Si appropriavano delle somme dovute per il servizio idrico dagli utenti morosi

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione