Messina. Un laboratorio di sartoria in carcere: le detenute creano 5.500 mascherine

10 Agosto 2020 Cronaca di Messina

Un laboratorio di sartoria per realizzare 5500 mascherine personalizzate all’interno della sezione femminile del carcere di Messina “Gazzi”. Il progetto, nato con l’obiettivo di avviare percorsi di inclusione e di formazione al lavoro per le detenute nelle case circondariali italiane, è realizzato nell’ambito del programma “Si Sostiene in carcere 2019/2021” e del protocollo sottoscritto con il DAP e il Ministero Giustizia dal Soroptimist International d’Italia.

In programma l’allestimento di un piccolo laboratorio di sartoria e la fornitura di macchine da cucire, materiali e ogni altra attrezzatura utile per un corso che prevede anche lezioni a distanza. Il percorso di tutoraggio è affidato all’associazione D’aRteventi, che già opera con le detenute, scelta su indicazione della Direzione del carcere per meglio organizzare localmente il corso e monitorarlo in collaborazione con le educatrici e la polizia penitenziaria. «Questa di Messina rappresenta una tappa importante dei nostri progetti di inclusione sociale dopo il successo del Regalo Solidale con 100 club aderenti, 3450 borse realizzate, quasi 26mila euro messi a disposizione delle sartorie sociali delle carceri milanesi di Bollate e San Vittore. La nostra attenzione si è concentrata proprio sull’empowerment e sulla valorizzazione delle potenzialità lavorative che possono aprirsi attraverso un’attività sartoriale», ha dichiarato Mariolina Coppola, presidente nazionale Soroptimist. «In questo ampio progetto era doveroso coinvolgere anche una struttura del Sud. A Messina abbiamo apprezzato le attività messe in campo negli ultimi tre anni dai nostri club, come la cura del verde, il cake design, il laboratorio di scrittura e per questo abbiamo deciso di varare il corso di taglio e cucito per offrire alle detenute opportunità formative ed occupazionali una volta uscite dalla struttura – ha aggiunto Paola Pizzaferri, coordinatrice nazionale del ‘Si Sostiene in carcere’ – Fondamentale è stato poi il riscontro avuto dalla direttrice Angela Sciavicco che ha molto apprezzato la proposta e si è detta entusiasta e onorata di collaborare».

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione