Chiusura hotspot in Sicilia, Cateno De Luca a Musumeci: «Ti invito a guidare il popolo alla sommossa»

23 Agosto 2020 Politica

Il sindaco Cateno De Luca si schiera con il governatore Nello Musumeci («Era tempo che si svegliasse») e appoggia l’ordinanza regionale con cui il Presidente della Regione Siciliana dispone la chiusura degli hotspot e dei centri di accoglienza fino al 10 settembre. D’altro canto, dichiara il primo cittadino in un video su Facebook, “non posso assolutamente accettare che Nello Musumeci passi per un pessimo imitatore del sindaco Cateno De Luca“, facendo riferimento alla chiusura dell’hotspot di Bisconte (di competenza del Ministero degli Interni), disposta circa un mese fa con un’ordinanza sindacale.

Secondo quanto riferisce il primo cittadino messinese, infatti, “Roma ha già annunciato che impugnerà l’ordinanza del Presidente Musumeci“. Pertanto, “caro presidente, nel giro di pochi minuti facci sapere quali saranno le tue prese di posizione – continua De Luca, incitando il Governatore – perché non è pensabile che quest’ordinanza sia stata fatta con il solo scopo di farsela impugnare e dire ai siciliani che, comunque, qualcosa hai tentato di fare“.

Poi di nuovo il riferimento alla “sommossa” che in questi giorni ha sollevato diverse critiche: «Tu e la tua Giunta dovete guidare il popolo siciliano alla sommossa. Facci sapere quali sono le contromosse a fronte di un annullamento da parte della mia amica Luciana Lamorgese, che da Ministro dell’Interno ti tratterà come ha finora trattato me, con le mie ordinanze. Uniti, tutti insieme, aspettiamo da te quali saranno le proteste eclatanti che metterai in campo contro il Governo centrale, che con scellerata indifferenza nei confronti dei siciliani, mette a repentaglio la pubblica e privata incolumità».

Al termine, l’incitamento finale: «Tutti uniti contro Roma che continua ad utilizzare la Sicilia con scelleratezza e soprattutto utilizzando strutture inadeguate che mettono a repentaglio la pubblica incolumità. Forza Nello, facci sognare».

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione