Il giallo di Caronia, nuovo vertice in Procura

Nuovo vertice alla Procura di Patti (Messina), questa mattina, con il Procuratore Angelo Vittorio Cavallo e tutti i consulenti nominati dal magistrato sul caso della morte di Viviana Parisi, la deejay di 43 anni, e del figlio Gioele di 4 anni, trovati morti nei boschi di Caronia, dopo la loro scomparsa avvenuta il 3 agosto scorso. Come apprende l’Adnkronos, saranno presenti i medici legali Daniela Sapienza ed Elvira Ventura, ma anche la geologa forense Roberta Somma, oltre all’entomologo forense Roberto Vanin e altri periti nominati dalla Procura per tentare di fare luce su quanto avvenuto nei boschi di Caronia. Non sarà presente lo psichiatra e criminologo Massimo Picozzi, chiamato a fare una ‘autopsia psicologica’ su Viviana Parisi. I pm e i periti faranno il punto sulle indagini a un mese dal ritrovamento del corpo di Viviana Parisi, sotto un traliccio, cinque giorni dopo la scomparsa della donna con il figlio. Dopo il vertice in Procura, come si apprende, si farà un nuovo sopralluogo nei pressi della zona in cui sono stati ritrovati i resti di Viviana Parisi, l’8 agosto, e del figlio Gioele, il successivo 19 agosto. Dalle autopsie eseguite a Messina non si è ancora riusciti a risalire alla causa della morte di madre e figlio. Ecco perché il Procuratore Cavallo si è rivolto ai periti di parte.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione