Nominati i tre nuovi Revisori dei conti della Città Metropolitana di Messina

10 Settembre 2020 Politica

Il Commissario straordinario con i poteri del Consiglio Metropolitano, Ing. Santi Trovato, ha presieduto stamane la seduta pubblica per la nomina dei componenti del Collegio dei Revisori dei conti 2020/2023.
Alla presenza della Segretaria Generale dell’Ente, Avv. Maria Angela Caponetti, si è proceduto all’individuazione dei nominativi, mediante sorteggio, attingendo dall’elenco di 239 candidature ammesse alla selezione; quattro richieste sono state escluse perché arrivate fuori tempo massimo.
Rosario Vicari (Modica), Messineo Salvatore (Termini Imerese) e Galati Giuseppe (Bronte) sono i tre professionisti che comporranno il Collegio dei Revisori dei conti della Città Metropolitana di Messina per il triennio 2020/2023.
I tre nuovi componenti, salvo verifiche ed accettazione dell’incarico, sostituiranno per il triennio 2020/2023 i revisori uscenti Luigi Tricoli (Caltanissetta), Vincenzo Catalano (Mussomeli) e Giuseppe Aldo Cinà (Marsala).
Dopo l’estrazione dei tre nuovi revisori, si è proceduto all’estrazione di altri sei nominativi per le sostituzioni in caso di rinuncia. Nell’ordine di sorteggio: Sottosanti Giuseppina (Catania), Russo Alfio (Giarre), Pappalardo Fanino (Castelbuono), Del Popolo Francesco (Messina), Tumminello Antonio (Castelbuono) e Monastero Giulia (Enna).

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione