Odio, violenza e omotransfobia, l’appello di Arcigay al Comune: «Contrasti ogni forma di discriminazione»

17 Settembre 2020 Politica
Un appello alle istituzioni comunali dopo i recenti casi di cronaca nazionali e l’atroce morte di Willy e Maria Paola. A scriverlo sono il presidente e la segretaria di Arcigay Makwan Messina Rosario Duca e Giada Galletta, che si rivolgono al sindaco Cateno De Luca e all’assessore alle Pari Opportunità, chiedendo una ferma presa di posizione per combattere ogni forma di discriminazione.

Di seguito il testo: 

“Poco importa chi e cosa odiamo purché odiamo” (Samuel Butler)

Non avremmo certo immaginato che nel 2020 le parole di Samuel Butler potessero tornare attuali.

L’odio verso l’altro con le conseguenti azioni violente sta, in questi ultimi tempi, conoscendo il picco e lo dimostrano le continue aggressioni fisiche o verbali verso chi ha il colore della pelle diverso o chi ha un orientamento sessuale non conforme al pensiero unico.

Willy è stato ucciso dalla ferocia di chi non accettava le sue non italiche origini; Maria Paola è stata uccisa dal fratello perché amava un ragazzo trans, un caso terrificante di transfobia mista a misoginia.

Come Arcigay negli ultimi tempi, anche nella nostra città, siamo dovuti intervenire presso le istituzioni per denunciare atti di cyberbullismo omobilesbotransfobico nei confronti di persone appartenenti alla comunità LGBT+.

Possiamo quindi comprendere quanto il quadro sia assai poco confortevole e il clima di odio, instillato anche da politici irresponsabili dal linguaggio squadrista, getta nel panico quanti o quante si sentono vulnerabili.

Purtroppo il colpevole silenzio delle Istituzioni non aiuta certo chi ogni giorno sta in trincea per combattere contro razzismo, omobilesbotransfobia, misoginia ed ogni altra forma di discriminazione.

Il dibattito parlamentare sulla legge sul tema è stato imprudentemente rimandato e non abbiamo certezze su quando riprenderà.

Ma é evidente a tutti quanto sia ormai indispensabile ed indifferibile. Le singole amministrazioni, coi loro assessorati alle pari opportunità, possono e devono dare un segnale forte!

Per questo sollecitiamo la neo-assessora al ramo, come impegno vero (in discontinuità con l’immobilismo di chi l’ha preceduta), di attuare tutte quelle iniziative atte a contrastare ogni forma di discriminazione.

Chiediamo pertanto:

1) alla Giunta ed al Consiglio Comunale di discutere ed approvare un ordine del giorno sulla legge contro l’omobilesbotransfobia e la Misoginia, che possa essere da stimolo per una pronta discussione in Parlamento;

2) riavviare i percorsi intrapresi con la precedente amministrazione per un corretto linguaggio di genere all’interno delle istituzioni che rappresentano, contro la violenza di genere e l’omobilesbitransfobia, come previsto dal protocollo d’intesa siglato con vari partner istituzionali, associazioni che operano sul territorio e l’amministrazione stessa;

3) come in molte altre città d’Italia (Messina inclusa), sabato 19 Settembre, grazie all’impegno di liberi cittadini che spontaneamente hanno organizzato dei momenti per ricordare Willy e Maria Paola, condannarne il brutale omicidio ed a cui Arcigay Messina ha aderito, chiediamo che l’assessora alle Pari Opportunità disponga che le bandiere esposte a Palazzo Zanca vengano poste a mezz’asta in segno di lutto, e nel contempo condanni qualsiasi azione violenta, razzismo, omolesbobitransfobia e misoginia.

Willy e Maria Paola uccisi dalla cieca violenza dell’odio, della prevaricazione e della discriminazione non sono lontani dalla nostra città, poiché, anche a queste latitudini, molti Willy e Maria Paola ogni giorno vengono discriminat* per il colore della pelle o per chi hanno scelto di amare.

Auspichiamo il vero cambio di passo (come ama ripetere il primo cittadino) sulla gestione delle pari opportunità a Messina e questo si può verificare a partire da piccoli gesti come quelli che chiediamo.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione