Milazzo, militare della Guardia costiera disperso in mare per salvare un bagnante

26 Settembre 2020 Cronaca di Messina

Un sottufficiale della Guardia costiera, Aurelio Visalli, è disperso nel mare davanti a Milazzo, versante tirrenico della provincia di Messina, dopo essersi tuffato per cercare di raggiungere un bagnante in difficoltà. Ne ha dato notizia con un tweet la stessa Guardia costiera.
Il forte vento e il mare molto mosso rendono molto difficili le ricerche, come sottolineato dalla stessa Guardia costiera. C’erano le stesse condizioni quando, nella tarda mattinata, due ragazzi sono entrati in acqua nel litorale di Ponente a Milazzo, cercando di sfidare le onde alte diversi metri. Ma poco dopo entrambi hanno cominciato a chiedere aiuto perché non riuscivano più a rientrare a riva. E’ stata avvertita la Capitaneria di porto; nonostante il mare molto mosso, è stata fatta partire una motovedetta che in poco tempo ha raggiunto il punto in cui tra le onde si intravvedevano i due bagnanti.

Secondo una ricostruzione ancora parziale e sommaria, uno sarebbe riuscito da solo a raggiungere la riva, aiutato da terra da alcuni soccorritori. L’altro invece è rimasto aggrappato a una boa e per cercare di raggiungerlo, tre militari a bordo della motovedetta si sono gettati in mare ma, mentre anche il secondo ragazzo riusciva a raggiungere la spiaggia e due dei militari risalivano a bordo, il sottufficiale non sarebbe più riuscito a raggiungere la motovedetta a causa del mare in burrasca.

Le ricerche sono ancora in corso anche con un aereo della Guardia costiera partito da Catania e con altre motovedette salpate pure da Lipari.  A Milazzo è atteso l’arrivo del comandante generale delle Capitanerie di porto, il generale Giovanni Pettorino, che si trovava in Calabria per altri impegni.

Aurelio, quarant’anni, residente a Venetico con la famiglia, la moglie Tindara e i due figli, viene descritto dai vicini di casa e dagli amici come una persona rispettosa, riservata, addirittura carismatica.

Aurelio si è arruolato nella guardia costiera una ventina di anni fa superando il concorso di secondo capo e dopo diverse esperienze tra le Capitanerie di porto italiane è giunto alla Guardia costiera di Milazzo.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione