Femminicidio a Furci, aggravante della premeditazione per l’infermiere che ha ucciso Lorena

1 Ottobre 2020 Inchieste/Giudiziaria

Si aggrava la posizione di Antonio De Pace, l’infermiere calabrese che ha assassinato la fidanzata, Lorena Quaranta, il 31 marzo del 2020. La Procura di Messina, che gli ha notificato oggi un avviso di conclusione indagine, gli contesta anche l’aggravante della premeditazione. Dall’inchiesta, coordinata dal procuratore di Messina Maurizio de Lucia, sono emerse le chat, inviate ai familiari, in cui De Pace manifestava l’intenzione di trasferire ai nipoti i risparmi depositati nel conto corrente, segno, secondo l’accusa, che aveva pianificato il delitto ed era certo delle conseguenze che ne sarebbero derivate.

Il delitto è avvenuto a Furci Siculo, nel Messinese. I due ragazzi, 29 anni lui, 27 lei, studentessa universitaria, vivevano insieme. De Pace, dopo aver strangolato la ragazza con cui aveva avuto una violenta lite, ha chiamato i carabinieri e confessato l’omicidio. Avrebbe anche tentato il suicidio tagliandosi le vene riuscendo a procurarsi solo ferite superficiali. Dopo aver colpito la ragazza alla fronte con un oggetto, tramortendola, De Pace le è salito sopra, l’ha immobilizzata e l’ha poi soffocata. Oltre a quella della premeditazione, la Procura contesta al ragazzo le aggravanti «di aver commesso il fatto contro persona legata da relazione affettiva e per motivi abietti e futili». Lorena Quaranta studiava Medicina ed era originaria di Favara.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione