“Il Green new deal di industria e lavoro”: si è svolto stamattina il workshop al Palazzo camerale

2 Ottobre 2020 Cronaca di Messina

«La comunità produttiva del nostro territorio ha un’importante occasione di crescita e innovazione in direzione della sostenibilità, in tutti i settori economici». Così il presidente della Camera di commercio, Ivo Blandina, nell’introdurre i lavori del workshop “Il Green new deal di industria e lavoro – Gli obiettivi di sviluppo sostenibile e la transazione ecologica ed energetica”, svoltosi questa mattina al Palazzo camerale.

«Una prospettiva di sostenibilità legata a due elementi – aggiunge Blandina – l’accentuarsi di misure che tendono a ridurre l’uso di combustibili fossili e un maggiore sfruttamento delle energie rinnovabili. Il che presuppone l’adozione di nuove tecnologie, rilanciando le imprese sul piano competitivo, a condizione che le produzioni siano sempre più green e rispondano a consumatori sempre più attenti. Un’opportunità da non perdere per la provincia messinese, che parte certamente favorita rispetto ad altri territori anche grazie all’istituzione delle Zone economiche speciali, alle misure a favore della riduzione del costo del lavoro e agli incentivi economici messi in campo dai Governi nazionale e regionale».

L’idea è quella di “accompagnare” l’Europa, attraverso il “Green new deal”, sino alla “carbon neutrality”, ossia a zero emissioni di anidride carbonica, entro il prossimo 2050.

«Il Green New Deal è lo sforzo che l’Europa e gli stati membri stanno facendo per colmare il loro deficit tecnologico nei confronti di USA e Cina soprattutto – afferma Giuseppe Sabella, direttore di Think-industry 4.0 e research fellow della Donald Lynch Foundation (North Carolina, USA) – vera frontiera dell’innovazione digitale. Germania, Francia e Italia in particolare hanno l’occasione di recitare un ruolo importante nel nuovo ciclo economico grazie alla loro capacità industriale: l’Italia non solo è la seconda potenza manifatturiera d’Europa, ma è anche fortemente integrata con la piattaforma tedesca, vero cuore produttivo europeo». 

L’obiettivo della Commissione europea è di rilanciare e innovare le sue filiere produttive. «Le risorse del Recovery Fund servono per rilanciare il nostro made in Italy – aggiunge Sabella – e per proiettarlo verso l’innovazione digitale e la sostenibilità ambientale. I settori che più contribuiranno all’innovazione e alla ripresa sono quelli i cui prodotti sono riconosciuti come eccellenti in giro per il mondo: meccanica di precisione, componentistica ad alto valore aggiunto, come computer, elettronica, ottica, chimica e petrolchimica, farmaceutica, tessile, abbigliamento, legno. Ma le vere sorprese arriveranno dai comparti più vicini all’innovazione: la mobilità, l’energia e il riciclo. La mobilità è completamente stravolta non solo da car sharing e car pooling ma anche dal fatto che ci si muoverà di meno, o almeno con destinazioni diverse. A ogni modo, l’auto elettrica sarà uno dei simboli del ciclo alle porte. E l’industria italiana potrebbe giovarsene».

Presente al workshop anche il segretario generale della Camera di commercio, Paola Sabella, e i componenti di Giunta, Tonino Genovese e Vito Siracusa; il prof. Gabriele Centi; la prof. Giovanna D’Angelo; la prof. Siglinda Perathon; il prof. Josè Gambino; l’avv. Giuseppe Terranova; Giovanni Mastroeni, segretario generale CGIL Messina; Emilio Castelli del “Gruppo Duferco”; Luca Franceschini della Raffineria di Milazzo; Santino Cannavò della Uisp Messina; l’arch. Mariano Tornatore; l’arch. Girolamo Pecora; l’ing. Rosalba Scurria.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione