Al via gli attesi corsi per esperto in CAM EDILIZIA in conformità alla ISO/IEC 17024 dell’Istituto Nazionale di Bioarchitettura

5 Ottobre 2020 Culture
L’Istituto Nazionale di Bioarchitettura (INBAR), con il percorso
formativo “ESPERTO IN CRITERI AMBIENTALI MINIMI – CAM in applicazione
del D.M 11/10/2017”, darà accesso alle procedure per il riconoscimento
della certificazione di “Esperto in CAM Edilizia”, che sarà rilasciata
da CEPAS (società del Gruppo Bureau Veritas), in conformità alla Norma
internazionale ISO/IEC 17024. A tali procedure potranno accedere tutti i
professionisti iscritti ai vari Ordini e Collegi nelle diverse
competenze di settore nei vari livelli di specializzazione.
L’Istituto Nazionale di Bioarchitettura, quale ORGANISMO DI VALUTAZIONE,
vede alla guida di tale progetto il Coordinatore Scientifico e
Presidente Nazionale Arch. Anna Carulli, e il Responsabile della
didattica e Presidente della Commissione CAM Arch. PhD. Nunzia Coppola;
impegnati da due anni nell’attivazione di corsi di divulgazione di 4 ore
e di corsi specialistici di 12 e 16 ore sul territorio nazionale.
“L’INBAR, negli ultimi anni – afferma il Presidente Nazionale Anna
Carulli -,  in linea con le tematiche di sostenibilità ambientale,
introdotte per la prima volta nella legislazione nazionale attraverso i
CAM, che richiedono conoscenze e competenze specifiche ai diversi attori
che operano nel settore: professionisti, imprese, produttori, stazioni
appaltanti; ha attivato un corso che offre una panoramica di un
rinnovato quadro globale legislativo e tecnico, finalizzato a rafforzare
il percorso, spesso frammentato, dello sviluppo sostenibile a livello
mondiale; un primo passo per declinare a livello nazionale i principi e
gli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, adottata nel
2015 dalle Nazioni Unite a livello di Capi di Stato e di Governo. Il
percorso formativo si fonda – prosegue Anna Carulli – sulla condivisione
della sostenibilità come modello di sviluppo e sul coinvolgimento dei
soggetti che sono parte attiva nello sviluppo sostenibile. Questi
principi hanno preso concretamente forma nell’articolazione della
STRATEGIA NAZIONALE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE presentata al Consiglio dei Ministri il 2 ottobre 2017 e approvata dal CIPE il 22 dicembre 2017”.
I corsi INBAR affronteranno i temi derivanti dall’obbligo di inserimento
dei CAM nelle specifiche tecniche, nei documenti e negli elaborati di
gara nell’ambito più ampio del quadro normativo europeo e nazionale,
analizzando ed illustrando le esperienze più significative in Italia. Si
definiranno i riferimenti normativi contenuti nelle nuove disposizioni
ambientali, nel Codice degli appalti e le modifiche intervenute con le
disposizioni contenute nelle linee guida emanate. All’interno del
percorso formativo si analizzeranno sia dal punto di vista temporale che
delle figure professionali coinvolte, le implicazioni richieste dai CAM,
la loro applicazione e rendicontazione. Il corso affronta prima i CAM
come riportato nella struttura della norma in ordine sequenziale per poi
filtrare ed elaborare i requisiti richiesti per ambiti professionali e
per fasi di realizzazione. A conclusione del percorso formativo o
accreditamento al secondo livello potranno certificarsi tutti quei
professionisti che avranno superato gli esami di accesso alla
certificazione finale in conformità alla Norma internazionale ISO/IEC
17024 riferito alla figura dell’Esperto in CAM Edilizia.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione