Convegno AIS: “Crisi della democrazia e salute globale”

5 Ottobre 2020 Culture

La sezione Politica dell’Associazione Italiana di Sociologia (AIS) quest’anno ha scelto l’Ateneo di Messina per la sua tradizionale Midterm ConferenceL’8 e il 9 ottobre 2020, in una eccezionale modalità telematica, il Dipartimento Cospecs di UniMe ospiterà, on line, il convegno dal titolo “Crisi della democrazia e salute globale. Le trasformazioni della politica nell’epoca della globalizzazione dei rischi”. Nel corso delle due giornate di incontri, a cui interverranno oltre cento studiosi accademici impegnati nell’ambito della sociologia e delle scienze politiche, saranno analizzati i principali cambiamenti che stanno interessando le nostre democrazie in un contesto globale segnato dalla crisi pandemica generata dalla rapida diffusione del COVID 19. La sezione AIS vuole sollecitare le studiose e gli studiosi dei fenomeni politici a ragionare intorno a questi argomenti di attualità offrendo uno spazio di discussione pubblica e promuovendo un ampio dibattito che vedrà attivati 11 workshop e una tavola rotonda con relatori provenienti dai principali atenei italiani.

La giornata inaugurale sarà aperta dal Rettore dell’Università di Messina, prof. Salvatore Cuzzocrea e dal Direttore del Dipartimento Cospecs, prof. Pietro Perconti. Si confronteranno in una tavola rotonda Antonella Cammarota (Università di Messina), Flaminia Saccà (Università della Tuscia) Ernesto D’Albergo (Sapienza Università di Roma) Paul A. Blokker (Università di Bologna). Introduce e coordina Antonello Costabile (Università della Calabria, coordinatore della sezione AIS-Sociologia Politica).

Venerdì 9, alle 9.00, saranno attivati i diversi workshop tematici. I lavori si concluderanno alle 18.00.

La partecipazione al convegno è gratuita e tutte le informazioni e il programma dettagliato sono disponibili al link http://portale.unime.it/convegnoaispolitica2020/  

La partecipazione all’evento darà la possibilità agli studenti del Cospecs e del Dipartimento Scipog di maturare 1 CFU.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione