Scuola Mazzini, spunta l’idea di spostare gli alunni all’ex sede dei Servizi sociali

5 Ottobre 2020 Politica

La scuola Mazzini si appresta a iniziare un nuovo corso dell’attività didattica. Il dirigente scolastico Domenico Maiuri ha infatti comunicato l’introduzione di un nuovo piano dall’eloquente titolo “Ripartire bene”. L’istituto fa in pratica marcia indietro cancellando le tanto discusse classi plus e prevedendo i doppi turni. Una soluzione temporanea visto che l’amministrazione comunale dovrà fornire presto otto aule aggiuntive.

La decisione è arrivata dopo l’intervento del Prefetto Maria Carmela Librizzi e l’esposto che un genitori di uno studente ha presentato al tribunale dei Minori.

Per evitare il disagio dei doppi turni arriva adesso la proposta del consigliere comunale Nello Pergolizzi di utilizzo dei locali dell’ex sede dei Servizi sociali di via Felice Bisazza. “E’ un edificio ristrutturato a seguito di apposito finanziamento nell’ambito del Pon Sicurezza per lo sviluppo 2007-2013 – precisa il consigliere –  negli ultimi anni utilizzato come centro polifunzionale con la finalità di inserimento sociale e lavorativo degli immigrati. Ad oggi, la struttura in questione risulterebbe aperta solamente per tre ore settimanali, durante la giornata di martedì, dalle 9.30 alle 12.30. Risulta possibile, in via eccezionale, per sopravvenuti motivi di interesse pubblico, utilizzare detti locali per scopi diversi da quelli attuali, così come previsto dalle diverse delibere di Giunta e dalla relativa convenzione convenzione”.

Da qui l’interrogazione al sindaco De Luca affinché valuti la soluzione.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione