Midili e Calabrò nuovi sindaci di Milazzo e Barcellona

6 Ottobre 2020 Politica

Centrodestra a valanga a Milazzo e Barcellona con le vittorie al primo turno di Giuseppe Midili e Giuseppe Calabrò. Il primo, sostenuto da 9 liste, ha ottenuto il 42,8 per cento delle preferenze, prevalendo su Lorenzo Italiano (25%), Adele Rosselli (liste civiche) 9,1, Giovanni Utano (m5s) 8,9 e Damiano Maisano (Lega) 7,1. Il secondo, candidato del deputato regionale di Forza Italia Tommaso Calderone, ha avuto il 60,5 % dei voti con 14813 preferenze. Segue Antonio Dario Mamì, sostenuto da Pd e M5s, che si ferma al 31,5%. Quindi Giuseppe Sottile con l’8%.

I totale, i comuni chiamati alle urne sono stati 60. A Giardini Naxos ha vinto Giorgio Stracuzzi, mentre Malvagna sarà guidata da Nino Panebianco. A Naso prevale Gaetano Nanì, che ha la meglio su Sara Caliò e Gisella Pizzo, a Limina vince il consigliere ed assessore uscente Filippo Ricciardi, Savoca sarà amministrata da Massimo Stracuzzi e Graniti da Carmelo Lo Monte, che la spunta sul contendente Francesco Lo Giudice per due voti. Il nuovo sindaco di Basicò è Filippo Gullo (per pochissimi voti), mentre Raccuja ha eletto Ivan Martello. A Mirto confermato Maurizio Zingales, a San Salvatore di Fitalia riecco Giuseppe Pizzicante (unico candidato).

Ad Agrigento sarà ballottaggio fra Franco Micciché e il sindaco uscente Calogero Firetto. Ad Enna, secondo e ultimo capoluogo di provincia al voto, riconfermato il sindaco uscente Maurizio Dipietro. A Termini Imerese va bene l’asse Pd-M5s, con la vittoria della pentastellata (ed ex consigliera comunale) Maria Terranova.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione