DIPENDENTI COMUNE DI MESSINA: CGIL E CSA DICHIARANO LO STATO DI AGITAZIONE

8 Ottobre 2020 Senza categoria

Convocate da CGIL e CSA in orari scaglionati (nel rispetto delle normative Anticovid) si sono tenute in mattinata due assemblee del personale dipendente dal Comune di Messina.

All’ordine del giorno rivendicazioni di carattere salariale con una serie di istituti previsti dal Contratto Decentrato e che ad oggi non risultano liquidati.

Non poteva mancare una dura presa di posizione nei confronti delle dichiarazioni che il sindaco ha riservato ai dipendenti negli ultimi giorni.

“Questo Comune – hanno affermato i sindacalisti Fucile e Paladino – ha funzionato ed erogato servizi anche in pieno lockdown e sempre in piena emergenza sono stati raggiunti risultati che lo stesso Sindaco ha avuto modo di esaltare, come l’approvazione del bilancio, la gestione dei fondi comunitari, la distribuzione dei sussidi, il rilascio delle carte d’identità in tempi europei. Risultati che senza la dedizione e la professionalità di tutti i dipendenti non potevano essere raggiunti”.

“Sullo smart working sono i numeri ed i confronti con altri enti che replicano alle illazioni: dopo la prima fase – continuano i sindacalisti – in cui lo strumento è stato “imposto” dal Governo Nazionale ed in cui comunque sono stati garantiti i servizi essenziali, il Comune di Messina ha registrato una percentuale di lavoratori in presenza ben maggiore financo di quella prevista dalla normativa. E questo in un contesto che continua a non garantire la sicurezza di dipendenti e utenti con molti stabili che non rispettano i criteri minimi di igiene e salubrità e rappresentano un serio rischio, in questo particolare momento per tutti i frequentatori (per molto meno parecchie attività commerciali sono state sanzionate se non chiuse dalla stessa amministrazione !!!)”.

Alla fine è stato approvato un documento con il quale è stato dichiarato lo stato di agitazione, dando mandato nell’immediato ai Sindacati di diffidare i Dirigenti ad adempiere alle prescrizioni del Contratto Decentrato, ponendo in essere gli atti necessari per la liquidazione delle spettanze maturate già dal 2019, e di attivare le previste procedure di raffreddamento davanti al Prefetto di Messina.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione