L’APPELLO A PREFETTO E SINDACO DEI COMITATI ‘PER UN CENTRO STORICO VIVIBILE’

8 Ottobre 2020 Senza categoria

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato firmato da due realtà associative (“Associazione Centro Storico Messina” e “Comitato Centro Storico Vivibile”) che rappresentano i residenti del centro storico cittadino che, a loro modo di vedere, si sentono abbandonati dalle istituzioni soprattutto per quanto riguarda la gestione dell’ordine pubblico nelle nottate della movida.

Di seguito la lettera:

“I cittadini messinesi residenti nel Centro Storico continuano ad essere considerati “cittadini di serie B”, perché questa vasta area della città ha assunto ormai l’aspetto di una sorta di “zona franca”, in cui, soprattutto nelle ore serali e notturne, non vigono e non vengono applicate norme, regolamenti e ordinanze varie.

Ciò conduce ad atteggiamenti e comportamenti caratterizzati da arroganza, inciviltà, e totale mancanza di rispetto degli altri che perdura e si è accentuato anche in questo periodo particolare di emergenza sanitaria; periodo che dovrebbe portare ad un maggiore senso di responsabilità ed al rispetto delle varie disposizioni relative al contenimento della diffusione del Covid19.

E questo avviene senza che ci siano i controlli e gli interventi adeguati e strettamente correlati alle varie ordinanze sindacali o ai vari decreti di valenza nazionale e regionale che finiscono così col rimanere solo sulla carta.

Si assiste così in maniera indiscriminata ad eventi musicali all’aperto di varia tipologia che necessiterebbero di autorizzazioni specifiche, con la creazione conseguenziale di assembramenti in cui non vengono usati i dispositivi di sicurezza e non viene assolutamente mantenuto il distanziamento sociale o alla prosecuzione della attività dei vari locali ed esercizi commerciali fino a notte inoltrata, e senza che ci sia un minimo di regole comuni.

In questo totale regime di anarchia non si riesce più a comprendere quali siano le normative vigenti a livello locale, e soprattutto chi le deve fare rispettare.

Spetta dunque al Prefetto coordinare controlli efficaci sul territorio, alla luce anche del nuovo DPCM, e vigilare sulla loro effettiva attuazione, ed al Sindaco chiarire se hanno un senso le sue varie ordinanze emanate e che si sono accavallate creando elementi di contraddizione. 

Ciò nel contemperamento delle varie esigenze, il che non può però significare, come è avvenuto e sta avvenendo sempre più, abbandonare a se stesso il Centro Storico con il prevalere di tutti quegli aspetti negativi che più volte sono stati evidenziati”.

 

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione