Ingroia: ”Radiazione Palamara inevitabile ma magistratura non si autoassolva”

9 Ottobre 2020 Inchieste/Giudiziaria

Ritengo sia una conseguenza inevitabile di ciò che è venuto fuori dalle indagini, che hanno offerto un quadro desolante che ha inferto una profonda ferita all’immagine della magistratura agli occhi dei cittadini. Certo, il rischio è che Palamara venga utilizzato come capro espiatorio, ma ci auguriamo che così non sia“. A dirlo, all’AdnKronos, l’ex pm Antonio Ingroia commentando la rimozione dall’ordine giudiziario di Luca Palamara decisa dalla Sezione disciplinare del Csm. “Un provvedimento così drastico – aggiunge – è proporzionato rispetto ai fatti gravissimi emersi, ma sarebbe bene che la magistratura non si autoassolva attraverso la condanna di Palamara“. Quanto all’ipotesi che non siano state rispettate le regole del processo disciplinare, l’ex procuratore aggiunto di Palermo spiega: “Non mi pare, è vero che è stata drasticamente tagliata la lista dei testimoni proposta di Palamara, ma lui aveva proposto una lista di più di cento persone, e non si poteva certo sentire tutta la magistratura per tentare di ribaltare il processo disciplinare. Palamara ha provato la sua linea difensiva, che è stata quella di voler mettere sotto processo tutta la magistratura, ma io dico, invece, che bisogna aprire anche procedimenti nei confronti di altri“.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione