Caltanissetta, depistaggio via D’Amelio. Felice Cavallaro: “Ufficiale carabinieri prese borsa giudice”

13 Ottobre 2020 Inchieste/Giudiziaria

“Vidi una scena apocalittica. Inciampai anche su resti umani. Alla fine mi ritrovai davanti all’auto blindata del giudice Borsellino ma senza sapere che fosse la sua”. Lo ha riferito il giornalista Felice Cavallaro, ripercorrendo cio’ che accadde il 19 luglio 1992, quando arrivo’ in via D’Amelio.

Deponendo davanti al Tribunale di Caltanissetta, nell’ambito del processo sul depistaggio delle indagini sulla morte del giudice Paolo Borsellino e che vede imputati tre poliziotti, Mario Bo, Fabrizio Mattei e Michele Ribaudo. Il giornalista ha detto di aver visto vicino alla macchina, l’ex pm, allora parlamentare, Giuseppe Ayala. “Un giovane delle forze dell’ordine in borghese – ha detto Cavallaro rispondendo alle domande dell’avvocato Fabio Repici – prese la borsa che si trovava nel pianale tra il sedile anteriore e quello posteriore e stava per darla a me. Forse pensava che io fossi uno della scorta di Ayala o un agente. Poi pero’ arrivo’ un ufficiale dei carabinieri in divisa e il mio ricordo e’ che Ayala gli fece porgere la borsa o gliela diede lui stesso. Escludo che si trattasse del capitano Arcangioli la cui immagine con la borsa in mano ho rivisto molti anni dopo”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione