SEQUESTRATI NEL MESSINESE OLTRE 40.000 ARTICOLI E SEGNALATI DUE IMPRENDITORI DI ORIGINE CINESE

13 Ottobre 2020 Inchieste/Giudiziaria

I Finanzieri del Comando Provinciale di Messina, dopo aver riscontrato le irregolarità relative alle mancate certificazioni sulla provenienza e sulle caratteristiche merceologiche delle merci esposte in vendita e l’assenza delle indicazioni relative alla sicurezza, hanno sottoposto a sequestro oltre 40.000 prodotti “made in china”, illegittimamente posti in commercio in due esercizi commerciali, siti nei comuni di Torregrotta e Barcellona, nel lato tirrenico della provincia di Messina, gestiti da soggetti di etnia cinese. 

I sequestri, coordinati dal Gruppo di Milazzo, sono stati eseguiti dalle Fiamme Gialle della Compagnia di Milazzo e della Tenenza di Barcellona Pozzo di Gotto, nell’ambito di mirati controlli in materia di contrasto alla commercializzazione di prodotti illegali.

In particolare, nel corso delle due distinte attività svolte, è stata riscontrata la presenza di diversi articoli, già esposti sugli scaffali per la vendita, privi della prescritta marcatura “CE”, garanzia di conformità agli standard europei, e delle indicazioni minime previste dal codice di consumo, quali l’indicazione della provenienza, ovvero del materiale impiegato. 

Per tali ragioni, anche in considerazione della potenziale scarsa qualità delle materie prime utilizzate, o comunque non espressamente tracciabili, ovvero – in alcuni casi – dell’assenza di qualsiasi indicazione circa l’importatore autorizzato in ambito europeo, nonché di diciture in lingua italiana, bensì solo cinese, i prodotti rinvenuti sono stati ritenuti potenzialmente dannosi per la sicurezza e la salute dei consumatori. 

Le Fiamme Gialle tirreniche, quindi, dopo aver rimosso la merce dagli spazi destinati alla vendita, hanno proceduto al sequestro amministrativo dei prodotti (tabelle luminose, lampade, telecomandi, telecamere, carica batterie ricaricabili, casse audio, registratori, videocamere, spazzole elettriche, torce, cuffie, droni, modem, asciugacapelli, amplificatori e numerose tipologie di giocattoli), inviando specifica segnalazione alla Camera di Commercio di Messina, per l’applicazione delle previste sanzioni pecuniarie, di importo significativo, in un caso fino a € 60.000,00.

In aggiunta, per i titolari del punto vendita di Torregrotta, è scattata anche la segnalazione alla Procura della Repubblica di Messina, per il reato di “introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi“, a seguito del rinvenimento di alcuni articoli riproducenti, illegalmente, noti brand, potenzialmente idonei ad indurre in errore l’acquirente finale sulla loro legittima provenienza.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione