Coronavirus, Alessandro Russo (Pd) chiede tamponi per tutti gli studenti

14 Ottobre 2020 Politica

Tamponi a tutti gli studenti, cercando i casi nascosti e facendo una fotografia chiara della situazione nelle scuole. E’ la richiesta che il consigliere del Pd Alessandro Russo inoltra ad Asp e Regione, per “rendere più sicura e diffusa la frequenza fisica della scuola, che appare imprescindibile ed essenziale, insostituibile con qualsiasi altro strumento virtuale”.

“L’ulteriore emersione di una positività al Covid-19 registratasi oggi presso la scuola “Archimede”, che segue di qualche ora l’altra emersa al liceo “La Farina” e che ne ha causato la chiusura, pone urgentemente all’ordine del giorno la questione relativa alla messa in ulteriore sicurezza dei percorsi scolastici dei ragazzi messinesi”, spiega Russo.

“Le scuole stanno facendo tantissimi sacrifici in questi mesi e si stanno adeguando, pure in tempi molto ristretti e con il contributo di tutte le componenti – studenti, professori e personale amministrativo – alle linee guida emanate dal Governo al fine di assicurare la piena fruibilità delle scuole in sicurezza”.

Tuttavia, i casi che stanno emergendo in queste ore allarmano e non devono essere sottovalutati. Le reti di contatto tra gli studenti delle diverse scuole della città sono intense e si sovrappongono. Per questa ragione, per quanto validate, appare utile trovare una applicazione di maggiore prudenza e cautela delle linee guida scolastiche in chiave anti Covid-19.

Segnatamente, sulla stessa stregua di quanto la Regione Siciliana e l’ASP territoriale stanno avviando sperimentalmente coi residenti delle isole minori, si chiede di poter prevedere un analogo programma di screening diffuso tra la popolazione scolastica cittadina, al fine di intercettare il più ampiamente possibile le potenziali positività asintomatiche che, come è noto, rischiano di essere pericolose per parenti più anziani e altri soggetti più anziani con cui si entra in relazione.

Del resto, l’ASP territoriale ha un margine di discrezione per applicare politiche di screening ampio per particolari fasce di popolazione, come le circolari dell’Assessorato alla Sanità regionale hanno esplicato qualche settimana fa.  C’è margine e grande utilità collettiva, pertanto, chiedere alla Regione di avviare una campagna di tamponi sulla popolazione studentesca messinese, al fine di mettere in relativa tranquillità queste prime fasi di avvio dell’anno scolastico e per comprendere alla data odierna quale sia il reale livello di diffusione del Covid-19.

A questa considerazione si perviene anche dopo la semplice constatazione delle condizioni di trasporto pubblico cittadino, che in occasione degli orari di accesso o di uscita da scuola mostrano autobus e tram pericolosamente pieni di passeggeri, in condizioni di assembramento e di vicinanza tale che non sembrerebbe in alcun modo rispettata la necessaria distanza fisica.

C’è urgenza di procedere, pertanto, con azioni di prevenzione attiva, senza aspettare passivamente che i casi emergano di volta in volta nelle classi delle scuole cittadine – con ripercussioni sul regolare andamento dell’anno scolastico e del diritto allo studio, con classi che chiudono, scuole aperte a singhiozzo o interruzioni più o meno prolungate.

Un’azione di screening riveste importanza attiva, come dimostrano i casi della Regione Veneto e, proprio in queste ore, l’esempio che viene dalla Cina dove, in alcune regioni, all’emersione di soli sei casi ha spinto le autorità sanitarie ad avviare immediatamente uno screening di circa 9 milioni di persone.

Serve decisione attiva nel cercare il virus proprio nelle fasce di popolazione più a rischio per asintomaticità. Occorre andare oltre e in maniera più efficace a quanto previsto dalle linee guida per la scuola, cercando i casi nascosti e facendo una fotografia chiara della situazione nelle scuole. Solo così si potrà rassicurare l’intera comunità scolastica messinese, a partire dagli studenti e dai professori, e soprattutto a rendere più sicura e diffusa la frequenza fisica della scuola, che appare imprescindibile ed essenziale, insostituibile con qualsiasi altro strumento virtuale.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione