Calcio in lutto, morto Fabrizio Ferrigno: era stato ds del Messina

15 Ottobre 2020 Sport

È scomparso questa sera, a causa di un terribile male, Fabrizio Ferrigno: aveva 47 anni. Da calciatore era stato una bandiera del Catanzaro, tanto che da quelle parti era definito «Il Sindaco», ma ha avuto importanti esperienze anche in Campania. Dopo l’esordio al Castel di Sangro, passò al Napoli, squadra della sua città, nel 1990/91, incrociandosi con Maradona: in azzurro non riuscì mai a debuttare. Successivamente, ha vestito anche la maglia del Benevento (22 presenze e 3 gol nell’anno 94/95) e, quasi a fine carriera nel 2005-2006, alla Juve Stabia.

Appesi gli scarpini al chiodo, si è dedicato all’attività dirigenziale, ricoprendo il ruolo di ds a Messina. Il suo nome è legato alla rinascita del Messina sotto la gestione Lo Monaco. Fu lui a costruire la squadra che al primo anno, nella stagione 2012/13, centrò la promozione in Lega Pro (Seconda Divisione). Fu sempre lui a ridisegnare la squadra che l’anno dopo, grazie a un ottimo mercato di riparazione, vinse il campionato e balzò in Prima Divisione.

Poi il trasferimento a Catania e alla Paganese. Giunse nella città liguorina nell’estate 2016, in seguito alla tardiva riammissione al campionato. Sua la scommessa Reginaldo, insieme ad Antonio Bocchetti costruì una squadra di tutto rispetto e a gennaio, con una rivoluzione senza precedenti, portò a Pagani giovani di prospettiva come Firenze, Bollino, Carillo, De Santis e altri. Una squadra che, sotto la guida tecnica di Grassadonia, raggiunse lo storico traguardo dei playoff (poi persi a Cosenza). Al termine di quell’anno fu anche premiato come miglior Direttore Sportivo di Lega Pro.

Lo scorso anno era tornato al Messina, nell’era Sciotto, in D, e grazie al suo intuito sul mercato firmò alcuni colpi importanti (Rosafio su tutti) che permisero alla squadra all’epoca allenata da Giacomo Modica di sfiorare i playoff. Poi il ritiro per combattere contro un male incurabile che ieri sera l’ha portato via, all’ospedale di Catania dove da anni si era stabilito.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione